Quantcast
LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Ecco il nuovo piano di Protezione civile del Comune di Massa. Guidi: «Coperti tutti i rischi»

Il Consiglio comunale l'ha approvato all'unanimità. Menchini (M5S): «Sorpreso dall'accuratezza del materiale. Un piano salva vita»

MASSA – È stato approvato da tutti i 30 presenti della seduta del Consiglio comunale di Massa di ieri, 9 novembre, il nuovo piano di Protezione Civile presentato dall’assessore Marco Guidi. Oltre 230 pagine di materiale in cui vengono riassunti ed affrontati tutti i rischi del territorio comunale: idrogeologici, sismici e persino industriali. Ma non solo. Nei documenti sono state inserite anche le nuove aree di attesa della popolazione, in caso di emergenza, oltre che un mansionario per il sindaco. Tutte le informazioni presenti nel nuovo piano verranno poi tradotte in opuscoli che verranno distribuiti nelle scuole della città.

Il nuovo piano è frutto anche della collaborazione dell’istituzione con i volontari del servizio civile che hanno operato fino al 31 dicembre del 2019 e che l’assessore Guidi ha ringraziato durante il discorso di presentazione del piano: «Senza il lavoro dei 4 ragazzi del servizio civile questo piano non ci sarebbe stato. Siamo molto soddisfatti, siamo riusciti a mettere insieme tutti i rischi del territorio con ricostruzioni anche dal punto vista storico, con tutte le risposte e i comportamenti che il comune dovrà tenere in caso di emergenza. Prima di presentare il piano, col sindaco, abbiamo tenuto delle esercitazioni sull’eventualità di una rottura arginale del fiume Frigido.»

Il piano è stato accolto bene anche dalla commissione ambiente del comune, che all’unanimità lo ha approvato prima che arrivasse all’assise cittadino. «Questo è un piano che non lascia nulla al caso – commenta Roberto Acerbo, presidente della commissione ambiente – e va ad affrontare anche quelli che sono i rischi industriali. Per trasparenza, il piano rimarrà per 60 giorni in albo pretorio prima di essere trasmesso a provincia e regione. Durante quei 60 giorni i cittadini potranno partecipare, sia come singoli che come associazioni. Il voto unanime è segnale di un atto ben fatto.»

La bontà del nuovo piano è stata sottolineata anche dalla minoranza: «Ho letto attentamente il materiale – commenta il consigliere Paolo Menchini (M5S), facente parte della commissione – e sono rimasto stupito dall’acuratezza. È descritta ogni situazione possibile, mettendo in luce le fragilità del nostro territorio amplificate dai cambiamenti climatici. Avere un piano quantomeno salva vite. In ogni caso, la valutazione sismica degli edifici strategici del comune, non ancora fatta, deve rimanere priorità».

Quando l’emergenza sanitaria sarà finita, sembra essere nei piani di questa amministrazione anche un’esercitazione anti-sismica per tutti i cittadini, invitati dall’assessore Guidi ad iscriversi all’alert system sul sito del Comune stesso.