LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Ex Mulino Forti, Menconi (Ada): “Un gioiello abbandonato dal comune”

CARRARA – «Vedere l’ex Mulino Forti nel più totale degrado ci lascia un senso di vuoto, amarezza e sconforto. Era diventato un luogo di ritrovo per gli anziani e i giovani, un punto di riferimento per tantissime persone: la tombola e le cene, le feste di compleanno e di laurea, gli incontri culturali e politici. La lettura delle poesie del concorso Aronte. Lo abbiamo lasciato a malincuore nel 2017, dopo tanti anni di attività e iniziative, ma avevamo almeno la speranza che la nuova amministrazione avesse per quello storico immobile grandi progetti, una visione di futuro. E invece oggi si è spenta anche la speranza». A parlare è la presidente dell’Ada Carrara e Fosdinovo, Laura Menconi.

L’ex Mulino Forti è stato infatti gestito proprio dall’Associazione per i diritti degli anziani per tanti anni. Era diventato uno spazio sicuro, protetto e vivo a disposizione di tutti: degli anziani, ovviamente, ma anche di tante associazioni compresa quella dei consumatori, Adoc, che qui aveva tenuto incontri e convegni per insegnare ai cittadini a difendersi dalle truffe. Uno spazio pubblico utile e vivace. Poi nel 2017 la nuova amministrazione del Movimento 5 Stelle ha deciso di non rinnovare la convenzione interrompendo ogni attività. E da quel momento le luci all’ex Mulino Forti sono rimaste sempre spente lasciando le porte aperte al degrado e all’abbandono. «La decisione ci aveva lasciato un po’ di amaro in bocca – prosegue Menconi – ma il Comune aveva promesso grandi investimenti per lo storico immobile e di questo non potevamo che esserne contenti: si parlava di centro polivalente per i cittadini, da realizzare con i fondi europei. Oggi, purtroppo, sono passati tre anni e non si vede ancora niente all’orizzonte. Non un cantiere, un operaio al lavoro. Niente di niente. Anzi, vediamo il completo disinteresse da parte delle istituzioni. La porta di accesso è ormai costantemente spalancata, non ci sono controlli e così è diventato terra di nessuno, vittima di vandali che non hanno rispetto per quel luogo. Peraltro il Comune ci aveva assicurato che ci avrebbe aiutato a trovare un nuovo spazio per l’associazione ma anche su questo fronte nulla è cambiato: e mentre l’ex mulino Forti cade nel degrado noi abbiamo difficoltà a portare avanti le nostre iniziative a favore dei cittadini, in particolare dei più fragili».

Un luogo carico di ricordi e affetto, per la Ada, che dovrebbe essere recuperato al più presto: «Pensiamo alla fame di spazi che questa emergenza Covid19 ha fatto venire alla luce – conclude la presidente -. Quelle stanze, se fossero state almeno mantenute in attesa di futuri interventi, sono grandi e spaziose e oggi potrebbero ospitare tranquillamente qualche classe, un doposcuola o altre attività in piena sicurezza. Noi siamo disposti a rimetterci in pista perché l’ex Mulino Forti rimane nel nostro cuore ma vogliamo che anche l’amministrazione decida di darci un segnale per aprire, magari, una nuova collaborazione».