LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Lettere al direttore

«Gli autobus sempre pieni sono un problema», la lettera di un cittadino

CARRARA – La lettera del professor Canesi al sindaco Francesco De Pasquale (qui) sul comportamento dei giovani di Carrara nei confronti delle norme anti-Covid ha attirato l’attenzione di un altro cittadino, l’artigiano Giuseppe Sanguinetti, la cui riflessione riportiamo di seguito:

Buongiorno. Tutto vero e giusto quello che dice il prof. Canesi, ma sul molo e sui viali a mare ci vai se ti piace, mentre il problema sono i trasporti pubblici, che spesso sono pieni di gente come sardine in scatola. Dell’autobus non puoi fare a meno per andare a scuola o al lavoro.
Prima dell’estate, durante le limitazione dei posti sull’autobus (15 posti), mia moglie doveva accompagnare una signora ed il suo bambino a Marina di Massa. Nel momento di salire l’autista disse che uno di loro doveva restare a terra, mia moglie gli spiegò che era impossibile dividersi e l’autista, irremovibile, disse no e basta. Un passeggero si offerse di scendere per far posto a mia moglie e così poterono recarsi a Marina di Massa. Non so chi sia quel signore, ma penso che il mondo avrebbe bisogno di persone come lui.
In quanto all’autista, non poteva fare uno strappo? In fin dei conti era un bambino di otto anni e poteva stare sulle ginocchia della mamma.