Quantcast
LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Inaugurata la “Porta del Pellegrino” alla rotatoria della Centrale di Avenza

L'assessore alla cultura Forti: “La tappa di Avenza sulla Francigena finalmente viene valorizzata"

AVENZA – Ieri il sindaco Francesco De Pasquale e l’assessore alla Cultura Federica Forti hanno inaugurato “La Porta del Pellegrino”, opera di Riccardo Grazzi, che è stata installata all’interno dello spazio verde della rotatoria tra viale XX settembre, via Giovan Pietro e via Provinciale Avenza-Sarzana.

“La Porta del Pellegrino” è risultata il progetto vincitore del concorso promosso lo scorso anno dal Comune di Carrara e da  Furrer SpA, per la realizzazione di un monumento intitolato al Pellegrino della via Francigena.

Come è noto,  Avenza è attraversata dal percorso ufficiale della Via Francigena, l’antico cammino che da Canterbury conduceva i pellegrini verso Roma. La tappa n.25, da Sarzana  a Massa, attraversa il centro storico della frazione, sovrastata dalla Torre di Castruccio, dove si trova l’unico punto di sosta a ospitalità libera e gratuita per le centinaia di pellegrini che vi giungono ogni anno. Da qui è scaturita la scelta del soggetto.

L’artista era chiamato a proporre un’opera d’arte posizionata su un basamento, il cui sviluppo doveva rimanere all’interno della dimensione del blocco di marmo di dimensioni di circa 200x100x100 cm.

I bozzetti selezionati erano stati esposti pubblicamente al mudaC Museo delle arti Carrara e sottoposti al giudizio della commissione formata da Marco Ciampolini (Direttore CARMI), Laura Barreca (Direttrice mudaC) , Marco Pierini (Direttore Musei dell’Umbria) e dal consulente artistico Piergiorgio Balocchi. Su tutti si è imposto lo scultore Riccardo Grazzi che con la sua opera “La Porta del Pellegrino” ha convinto la giuria. La scultura rappresenta l’inizio e la fine del viaggio  del pellegrino, raffigurati dalla porta come simbolo e metafora del cambiamento  interiore.

“Dopo vent’anni grazie alla sinergia tra pubblico, privato, Accademia e Pro Loco arriviamo a un grande risultato” ha dichiarato il Sindaco.

“La tappa di Avenza sulla Francigena finalmente viene valorizzata, grazie alla famiglia Mazzi che già aveva realizzato l’ostello de Pellegrino – ha aggiunto l’assessore Forti – Siamo entrati nella rete europea della via Francigena e con quest’opera inizia la via dell’arte di Avenza sulla Francigena che sarà arricchita anche dalle opere realizzate durante il simposio dedicato e che verranno installate tra pochi giorni”.