LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Dalla Fondazione Marmo mascherine alle scuole di Massa-Carrara

Le prime sono state consegnate alla "Staffetti" di Massa. La presidente Bernarda Franchi: "Veder ripartire le lezioni è un segnale importante e come Fondazione Marmo vogliamo aiutare questo sforzo"

MASSA-CARRARA – “Volevamo dare un segnale di tangibile solidarietà e sostegno al grande sforzo per l’apertura e la gestione delle scuole che i dirigenti, gli insegnanti, il personale Ata, gli alunni e le loro famiglie stanno facendo in questo momento per garantire una funzione essenziale del nostro vivere civile. Veder ripartire le lezioni, pur tra non poche difficoltà, è un segnale importante perché si tratta di un atto concreto di investimento per il futuro di tutta la nostra comunità. E come Fondazione Marmo vogliamo aiutare questo sforzo”. Così la presidente Bernarda Franchi spiega la nuova iniziativa di solidarietà della Fondazione Marmo Onlus che ha avviato una campagna di consegna di mascherine chiurgiche (adulti) alle scuole, medie e superiori, della Provincia di Massa Carrara, che ne avranno bisogno.

Ieri c’è stata la prima consegna alla scuola media Staffetti di Massa che ha contattato la Fondazione dopo il via libera degli Uffici scolastici regionale e provinciale dell’Ufficio scolastico regionale dell’Ambito territoriale Lucca -Massa Carrara per informarlo della disponibilità a fornire mascherine chirugiche (adulti) alle scuole, e il provveditorato ha così avvisato tutte le scuole di Massa Carrara di questa opportunità.

La prima scuola a fare richiesta è stata, appunto, la media Staffetti di Massa. “In questi mesi – ricorda la presidente Franchi – la Fondazione ha donato numerose apparecchiature mediche e consistenti quantità di DPI alle strutture ospedaliere, ai presidi sanitari e alle tante associazioni di volontariato attive nel contrasto all’emergenza Covid19. E ci pareva giusto, ora, sostenere anche le nostre scuole che stanno svolgendo un compito fondamentale per tantissimi nostre ragazze e ragazzi e per le loro famiglie”.