Quantcast
LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

La Montignoso del futuro, ecco il Piano Operativo Comunale. Come cambierà la città

“Non è un piano di trasformazione, bensì un piano che punta a migliorare la vita dei cittadini” ricorda l'amministrazione comunale

MONTIGNOSO – Avviato il procedimento per la pubblicazione e la presentazione delle osservazioni del Piano Operativo Comunale (Poc) del Comune di Montignoso, ossia lo strumento urbanistico che individua e disciplina gli interventi di tutela e valorizzazione, di organizzazione e trasformazione del territorio da realizzare nell’arco temporale di cinque anni. Ad annunciarlo è il sindaco Gianni Lorenzetti circondato da una parte della maggioranza che ha reso possibile la realizzazione dell’iter dello strumento regolatore.

“Un percorso non facile, ma siamo fieri di essere uno dei primi comuni in Toscana che affrontano questo percorso secondo le indicazioni della nuova legge – commenta il primo cittadino – Il prossimo obiettivo è quello di approvarlo definitivamente entro la fine dell’anno”. Già questa mattina gli uffici comunali hanno inviato a Firenze tutta la documentazione per la pubblicazione ufficiale “che speriamo avvenga mercoledì della prossima settimana – aggiunge Lorenzetti – al massimo si andrà ai primi di settembre”, dopo di che scatteranno i sessanta giorni di osservazioni. “E’ uno degli atti politici più grandi che possa fare un’amministrazione – continua il sindaco – è un piano che rispecchia molto quelle che sono le tendenze del non consumo di suolo”.

Saranno infatti messi a disposizione della cittadinanza 11 mila mq2 di Se (superfice edificabile) e le parole d’ordine di questo nuovo piano sono: poca nuova edificazione, molta riqualificazione e incentivi per le giovani coppie che vogliono ristrutturare la loro prima casa. “Grazie al nuovo Poc sarà possibile ampliare le superfici e frazionare, sia in collina che nei centri storici – spiega l’assessore Eleonora Petracci – senza dimenticarci anche delle attività economiche esistenti che potranno fare domanda per allargarsi o creare solai per permettere il miglioramento della produzione. “Non è un piano di trasformazione, bensì un piano che punta a migliorare la vita dei cittadini” ricordano i presenti alla conferenza stampa di questa mattina.

Per quanto riguarda la realtà delle pianificazioni e i problemi relativi alle infrastrutture, presenti soprattutto nelle zone di Cervaiolo, Renella e Cinquale, si è potuto risolvere o quanto meno arginare il problema grazie alla perequazione. “Abbiamo mappato anche tutte le zone di degrado – continua Petracci – ed è stato fatto un lavoro di riconversione, cioè verranno fatti dei cambi uso e in base a dove si trovano”. Tra le ricollocazioni del nuovo Poc anche quella della Caserma dei Carabinieri; sono due le ipotesi al momento: il trasferimento sull’Aurelia o nel Viale Marina. “Un progetto non facile da realizzare” ha commentato il vicesindaco Raffaello Gianfranceschi.

“E’ stato un lavoro importante e complicato dove le forze politiche si sono confrontate e a volte anche scontrate, ma nonostante tutto la maggioranza è riuscita ad arrivare ad una soluzione comune – Petracci –Importante anche il contributo dei tecnici perché ci hanno aiutato a mettere su carta le nostre esigenze e un grazie anche agli uffici comunali”.

“Questo Piano Operativo ha dato e darà delle linee guida importanti – afferma il presidente della commissione urbanistica Giulio Francesconi – Siamo partiti dal disegno del territorio cercando di guardare al futuro, sperando di migliorare e far crescere sempre di più Montignoso con nuovi parcheggi, edilizia e parchi pubblici”.  “Questa è la conseguenza di quello che abbiamo pensato e su cui abbiamo lavorato – aggiunge l’assessore ai lavori pubblici Andrea Gabrielli – non abbiamo stravolto nulla, abbiamo cercato di migliorare la vita dei nostri concittadini  senza far si che ci fossero speculazioni”. “Quando si vanno ad adottare strumento come questo non è facile trovare un accordo tra le varie forze politiche  – conclude il capogruppo del Pd Marino Petracci – ma la sinergia che ci contraddistingue ci ha portato a raggiungere un altro obiettivo veramente importante”.