LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Riapertura scuole, a Carrara 230mila euro per le misure anti-covid (ma non bastano). I lavori iniziano lunedì

Il sindaco De Pasquale: «L’ammontare delle opere richieste dagli istituti superava gli 800mila euro. Abbiamo agito con equilibrio ed è stato fatto un lavoro straordinario»

CARRARA – 39.399 euro per l’Istituto Comprensivo “Carrara e Paesi a Monte”, 53.601 euro per il “Fossola-Gentili”, 40.354 euro per il comprensivo di Avenza “Gino Menconi”, 54.761 euro per il “Buonarroti” di Marina e 42.880 euro per l’istituto “Taliercio”. Dopo la campagna di ascolto con i dirigenti degli istituti comprensivi del territorio comunale, preso atto delle richieste arrivate dalle scuole e a seguito dei sopralluoghi effettuati dai tecnici del municipio nei vari plessi, l’amministrazione comunale ha deciso di spartire così i 230mila euro assegnati dal governo alla città di Carrara nell’ambito dell’avviso “Interventi di adeguamento e di adattamento funzionali degli spazi e della aule didattiche in conseguenza dell’emergenza sanitaria da covid-19”. Gli oneri di sicurezza, per circa 30mila euro, sono stati coperti dall’amministrazione con risorse proprie. L’assegnazione delle risorse ai cinque istituti comprensivi cittadini e la descrizione degli interventi è stata formalizzata e approvata dalla giunta con la delibera dello scorso 18 agosto.

«Si tratta di un piano di intervento importante, che tiene insieme le richieste di chi la scuola la vive ogni giorno e le valutazioni tecniche. Qualche istituto ha avuto di più altri di meno e questo è stato deciso solo ed esclusivamente in base alla situazione di partenza: ad esempio gli interventi nei plessi dotati di spazi ampi saranno più semplici e meno costosi» ha spiegato il sindaco Francesco De Pasquale. «I nostri tecnici hanno analizzato quali degli interventi richiesti fossero indispensabili, ammissibili e realizzabili nei tempi e con le risorse a disposizione, anche a seguito dei sopralluoghi effettuati alla presenza del personale scolastico. L’ammontare delle opere richieste dalla scuole superava gli 800mila euro. Abbiamo agito con equilibrio ed è stato fatto un lavoro straordinario, per la difficoltà degli interventi e per il poco tempo a disposizione. Voglio ringraziare sentitamente a nome di tutta l’amministrazione il personale del settore Opere Pubbliche» ha aggiunto l’assessore Andrea Raggi.

Ma vediamo le opere previste per ogni istituto comprensivo. Carrara e Paesi a Monte, interventi per 39.399 euro che prevedono, in generale, la riorganizzazione degli spazi, anche con opere di fissaggio e spostamento degli arredi. In particolare alla primaria Marconi è prevista la modifica dell’impianto elettrico in virtù della ridistribuzione interna; alla primaria Saffi la realizzazione di controsoffitti appoggiati su strutture antisganciamento e antisismiche e relativi interventi elettrici per l’allestimento di un nuovo spazio didattico; presso la secondaria di I grado Carducci, verrà rimosso l’intonaco ammalorato e saranno ricostruite alcune pareti per implementare gli spazi didattici.

Al “Fossola-Gentili” saranno avviate opere di edilizia leggera da 53.601 per la riorganizzazione degli spazi interni anche attraverso lo spostamento di arredi nelle aule per aumentarne la capienza ed adeguare gli spazi alle linee guida ministeriali. In particolare alla primaria Frezza è prevista la riqualificazione dell’aula/laboratorio e alla Primaria Gentili il recupero di un’aula nel seminterrato, la realizzazione di un controsoffitto appoggiato su struttura antisganciamento e antisismica.

Al comprensivo di Avenza “Gino Menconi” sono stati assegnati 40.354 euro per opere di edilizia leggera di tipo straordinario: per la scuole dell’infanzia Taibi e Collodi è prevista la riorganizzazione degli spazi per aumentare la capienza di ciascuna aula; all’infanzia Andersen la realizzazione di una nuova aula mediante la riorganizzazione del locale mensa; alla primaria Chiesa verranno create 2 nuove aule attraverso pareti divisorie all’interno dell’ex locale mensa; alla primaria Finelli, attraverso gli interventi su 3 locali verranno create nuove aule, con adeguamento dell’impianto elettrico; per le primarie Menconi, Pascoli e Rodari e per la scuola secondaria di I grado Leopardi sono previste opere di adeguamento dell’impianto elettrico.

La “Buonarroti” di Marina ha avuto 54.761 euro per opere di edilizia leggera di tipo straordinario. Alla scuola dell’infanzia Roccotagliata sono in programma la creazione di una stanza Covid, interventi all’impianto antincendio e opere di riorganizzazione degli spazi e degli arredi per aumentare la capienza delle aule; nella scuola dell’infanzia Paradiso verranno realizzate piccole opere edili nonché lo spostamento, la rimozione e la realizzazione di nuovi impianti per la creazione di un’aula covid; nella primaria Paradiso A l’intervento si sostanzia nell’apertura di alcune aule lungo il corridoio principale e nella predisposizione di una nuova aula da realizzarsi nella ex palestra con la realizzazione di un controsoffitto e modifiche all’impianto elettrico; per la primaria Paradiso B è prevista la realizzazione di parete divisoria e controsoffitti per riconvertire la ex palestra in aule scolastiche; alla secondaria Buonaroti verranno realizzate 2 nuove aule e una stanza “Covid” ed inoltre è previsto l’adeguamento del vialetto per realizzare un percorso entrata/uscita nel rispetto delle normative.
All’istituto “Taliercio”infine verranno eseguiti lavori da 42.880 euro con opere di edilizia leggera di tipo straordinario mirate sostanzialmente alla riorganizzazione degli spazi per aumentare la capienza di ciascuna aula. Per la scuole dell’infanzia Giampaoli e Lunense e per la scuola primaria Doganella è prevista la riorganizzazione degli spazi per aumentare la capienza di ciascuna aula; presso la scuola primaria Menconi/Giromini verranno aperti due 2 ulteriori varchi per consentire ingressi scaglionati e saranno pavimentate le aree del giardino antistanti; alla secondaria di I grado Taliercio è prevista la demolizione/ricostruzione di alcune pareti per riorganizzare gli spazi, con interventi all’impianto elettrico e ridistribuzione degli arredi per aumentare la capienza di ciascuna aula. I lavori dovrebbero essere avviati a partire da lunedì 24 agosto.