LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Il Brass Quintet dona la musica dei suoi fiati ai pazienti del Noa foto

MASSA – Concerto di fiati, nei giorni scorsi, nel ricchissimo calendario della associazione “Donatori di musica”. Nel giardino dell’Ospedale delle Apuane, come consuetudine in questo terribile periodo di emergenza sanitaria, si sono esibiti infatti i Brass quintet, 5 musicisti toscani conosciutissimi.”Sono artisti locali – ha detto il Primario di Oncologia Andrea Mambrini nel presentarli – già amici della nostra associazione, i musicisti che oggi suoneranno per noi. La rassegna “Affacciati alla finestra” che si è imposta in questo drammatico momento di lotta anti-covid, ci obbliga ad ospitare i concerti nel giardino, peraltro molto accogliente, dell’ospedale, e diffondere quindi le note tramite sistemi di amplificazione sosfisticati che permettano a pazienti, medici ed altri ospiti della struttura di poter ascoltare comodamente dalle loro stanze. Il quintetto di oggi è composto da Mauro Benedetti e Nicola Benedetti, trombettisti, Giuseppe Orsi al corno, Guido Gemignani al trombone e Alessandro Roncoli alla tuba, tutti artisti assai noti nel panorama artistico nazionale.”

Il gruppo di fiati ha poi intonato i primi brani, entusiasmando da subito il nutrito gruppetto di appassionati che attendevano da qualche minuto. Esordio al fulmicotone con la Rejouissance, una delle liriche più conosciute di George Frideric Handel, seguita da Nessun dorma, aria stranota dalla Turandot di Giacomo Puccini. A seguire i temi di film epici (C’era una volta l’west e C’era una volta in America) di Ennio Moricone e le liriche che hanno accompagnato “La vita è bella” del premio Oscar Roberto Benigni, composte da Nicola Piovani. L’appuntamento, via via sempre più seguito ed apprezzato, si è protratto per circa un’ora, riproponendo poi altre musiche celebri dal ricchissimo repertorio del quintetto toscano. Melodie ed armonie insolite quelle proposte dai 5 fiati che si integrano in accenti inusuali che accompagnano gli ascoltatori verso compagini quasi dissonanti. Ma che ben presto riavvicinano la modulazione dei toni offrendo equilibri e simmetrie penetranti e convincenti.