LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Covid e Ferragosto, l’appello di Varese ai giovani: «State alle regole, fatelo per i vostri nonni»

Il presidente della Società della Salute della Lunigiana si rivolge anche a chi rientra in Italia da Paesi considerati a rischio per la diffusione del coronavirus: ecco come segnalare la vostra presenza alla Regione

LUNIGIANA – Il presidente della Società della Salute della Lunigiana (Massa-Carrara), Riccardo Varese, interviene per rivolgere un appello a chi rientra in Italia da Paesi considerati a rischio per la diffusione del covid-19 e ai più giovani in occasione del Ferragosto:

“L’incubo covid-19 non si è ancora esaurito, è bene che si sappia. Nessuno vuole fare allarmismo, come nessuno vuole rivivere i momenti angosciosi della scorsa primavera, con le terapie intensive al collasso in certe parti d’Italia e le bare dei morti portate via dall’Esercito perché non c’era più posto nei cimiteri. E questi sono giorni in cui la curva dei contagi è in risalita. Pertanto, voglio rivolgere un duplice appello. Innanzitutto a chi rientra in Italia da Paesi considerati a rischio per la diffusione del covid-19 affinché segnali il proprio ingresso sul territorio nazionale alla Regione Toscana (cliccando qui)”.

“Ma ci tengo molto – prosegue – a rivolgermi ai più giovani in questo momento, i quali sono, giustamente, sulle spiagge a divertirsi, ma che devono mettersi in testa di usare la mascherina e mantenere, il più possibile, le distanze interpersonali. Abbiamo avuto tutti 20 anni ed è estate, quindi è bello stare in giro a divertirsi. Purtroppo, però, viviamo un anno funesto, segnato da questa epidemia, e tanti di voi hanno a casa i nonni che magari vi hanno cresciuti, nonni che si preoccupano per voi, lo hanno sempre fatto, e che vi aspettano a braccia aperte. Stavolta dovete essere voi a preoccuparvi di loro e della loro salute, che è fragile, essendo questi anziani, quindi maggiormente esposti al coronavirus. Allora ve lo dico con il cuore in mano, essendo diventato nonno anch’io: usate la testa. E’ un invito al senso di responsabilità e a tenere alta l’attenzione il mio, che estendo a tutta la cittadinanza, la quale può sempre rivolgersi alla SdS Lunigiana e alle Unità Speciali di Continuità Assistenziale (USCA) per segnalare situazioni ritenute a rischio e ottenere informazioni utili”.