LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Adesso è ufficiale: annullata la Carrara Bier Fest 2020. La festa della birra è rinviata a data da destinarsi foto

Imm: «L’organizzazione degli eventi che richiamano grandi numeri di persone è, com’è noto, particolarmente difficoltosa a causa delle misure di contenimento e contrasto dei contagi»

Più informazioni su

CARRARA – La decisione era nell’aria e adesso è ufficiale: la festa della birra 2020 è stata annullata ed è stata rinviata a data da destinarsi per le problematiche organizzative legate alla pandemia. Si tratta di una decisione storica negli oltre quarant’anni di storia di una manifestazione sempre molto attesa. «Imm Carrarafiere – si legge nella nota degli organizzatori – dopo una serie di approfondite verifiche tecniche sulla fattibilità dell’evento, al fine di perseguire il rispetto delle normative anti-Covid, ha deciso di annullare Carrara Bier Fest 2020 a calendario dal 28 agosto al 12 settembre. L’organizzazione degli eventi che richiamano grandi numeri di persone è, com’è noto, particolarmente difficoltosa a causa delle misure di contenimento e contrasto dei contagi. Lo dimostra la lunga serie di manifestazioni che sono state annullate un po’ in tutto il Paese: dagli spettacoli pirotecnici ai concerti nei grandi stadi. A complicare il quadro si aggiunge, per il settore fieristico, un quadro normativo particolarmente incerto».

«Per questo – prosegue la nota – oltre alla Carrara Bier Fest, è stata annullata anche la 33° edizione di Tuttinfiera – Mostra mercato del commercio e dell’artigianato prevista nelle stesse date. La concomitanza dei due eventi, in assenza di prescrizioni chiare per il comparto fieristico e delle limitazioni che secondo anticipazioni di stampa saranno prorogate fino ad almeno il 1° settembre, ne rende dunque impossibile lo svolgimento. Imm, fin dall’inizio dell’emergenza covid, ha provato a cercare soluzioni alternative, che potessero coniugare il rispetto delle regole anti-covid e la sostenibilità degli eventi, senza trascurare le esigenze degli operatori del territorio già messi a dura prova dal recente lockdown».

«Ad oggi mentre il quadro normativo resta incerto – conclude Imm – non sussistono più i tempi tecnici per poter procrastinare ulteriormente la decisione per cui  la scelta di Imm e degli organizzatori di Tuttinfiera è stata quella di annullare le rispettive  manifestazioni. Restano aperte tutte le considerazioni circa il drammatico momento conseguente alla pandemia riguardante tutto il comparto fieristico nazionale e non solo, nella speranza di adeguati interventi a sostegno da parte governativa».

Più informazioni su