LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

«Sei mesi di fermo e la scuola non ha ancora risposte»

Più informazioni su

“La scuola non ha ancora risposte certe dopo 6 mesi di fermo. Per la Toscana ancora il 30% degli istituti ha bisogno di interventi strutturali e mancano 6000 incarichi tra personale docente e non. È preoccupante, dopo aver letto l’ultima ordinanza ministeriale, constatare un inevitabile incertezza sui modi della ripartenza scolastica”. A parlare è Gabriele Bianchi, consigliere regionale Gruppo Toscana nel Cuore e candidato alle prossime elezioni regionali con la lista “SVOLTA!”.

“Le scuole riapriranno il 14 Settembre – prosegue – e dal 1 al 12 Settembre le scuole dovrebbero attivare i corsi di recupero. Vi sono poche certezze sulla programmazione di tali attività…si parla di convocazione del collegio dei docenti per l’ultima settimana di agosto.
Tralasciando le risposte in merito alla richiesta di 2,4 mln di banchi da parte degli istituti e il loro reperimento, tralasciando il fatto che con molta probabilità le tornate elettorali faranno riconsegnare le scuole ai comuni dopo minimo 4 giorni dopo e cioè il 18 per le sanificazione e recuperarle non prima del 23 settembre. Diventa dubbio, se non improbabile, che che per il 1 settembre possano essere concluse le operazioni per le immissioni in ruolo, per la mobilità annuale e per l’attribuzione degli incarichi a tempo determinato facendo ricorso alle nuove graduatorie provinciali per le supplenze. I numeri in gioco sono consistenti perché si parla di una richiesta al MEF di 80000 assunzioni, mentre per la mobilità annuale riguarderà decine di migliaia di insegnanti e di ATA che hanno chiesto utilizzazione e assegnazione provvisoria.

Altro capitolo gli incarichi a tempo indeterminato che potrebbero arrivare alla cifra record di 250mila supplenze annuali – chiude Bianchi – La preoccupazione nasce dal fatto che oggi manca meno di un mese al primo settembre e che se si considerano anche i sabati possiamo contare in appena 20 giorni”.

Più informazioni su