LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Tre giorni di sciopero per i lavoratori dei Cup di Massa-Carrara

Si prevedono giorni caldi e molti disagi per gli utenti che devono prenotare prestazioni sanitarie. Da lunedì 22 a mercoledì 24 gli addetti al front office e back office incroceranno le braccia

Si prevedono giorni caldi e molti disagi per gli utenti dei Cup di Massa-Carrara. La preoccupazione è tanta per i lavoratori degli sportelli Asl della provincia apuana per il rischio di non vedere ancora stabilizzata la loro posizione o, peggio, di perdere il lavoro. «La vicenda – aveva spiegato la Uil alcuni giorni fa – è quella della Cooplat: una grande cooperativa nazionale che conta migliaia di dipendenti su tutto il territorio servito. Società che ha già in appalto parte dei servizi Cup e front office dell’Asl area nord Toscana e che da luglio addirittura dovrebbe prendere tutto in carico, come cooperativa locale scelta dall’impresa vincitrice dell’appalto, il Consorzio Cns, facendosi pure carico dei dipendenti delle altre cooperative che a oggi operavano al Cup. Lavoratori che dovrebbero quindi passare da un’azienda sana a una malata. Una follia».

Per questi motivi, stamani, giovedì, i lavoratori del Cup si sono riuniti in assemblea sindacale allo stadio Del Freo di Montignoso convocata dalle tre sigle Cgil, Cisl e Uil, e durante quale sono state decise ben tre giornate di sciopero per le intere giornate. «Sciopero dal 22 al 24 giugno, di tutto l’appalto front office e back office dell’Usl Toscana Nord Ovest. E’ questo l’esito dell’assemblea dei lavoratori delle cooperative coinvolte che si è svolto stamani. Prevediamo anche manifestazioni di protesta, lunedì 22 davanti alla sede dell’Asl in via don Minzoni a Carrara, e martedì 23 davanti alla Prefettura di Massa, con i dettagli ancora da stabilire». Così Angelo Lieti, responsabile del settore per la Uiltrasporti di Massa-Carrara.