Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana TENews

2 giugno 1946, Massa-Carrara scelse la Repubblica. Ecco come andò

La zona apuana fu una delle province italiane più "repubblicane", Carrara fu la più favorevole al nuovo assetto istituzionale a livello nazionale

Il 2 giugno è la Festa della Repubblica. Una data in cui si celebra il suffragio universale – per la prima volta votarono le donne – e soprattutto il risultato del referendum istituzionale del 1946 in cui gli italiani scelsero la Repubblica e dissero «no» alla monarchia. Il risultato a livello nazionale fu 54,3% per la repubblica e 45,7% monarchia.

A Massa-Carrara, però, l’esito fu molto più netto a favore della Repubblica: in provincia finì 74,9% per il nuovo assetto istituzionale, mentre la monarchia raccolse soltanto il 25,1% dei consensi. Su 134.929 votanti, si recarono alle urne 112.530 apuani (l’83,4). I voti validi furono 104.004: 77.914 andarono a favore della repubblica, 26.090 alla monarchia (le schede non valide – bianche e nulle – furono 8.525). In quella votazione furono eletti anche i deputati dell’Assemblea Costituente che scrisse la Costituzione.

La città apuana più repubblicana fu Carrara, dove il «sì» al nuovo assetto vinse con l’88% circa dei consensi. Per questo la città del marmo, insieme a Ravenna, risultò addirittura la città più repubblicana d’Italia.