Quantcast
LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Poveromo, il ripascimento non parte. Persiani scrive alla Regione

Il sindaco di Massa: «I balneari, che già vivono una situazione di incertezza, hanno necessità di avere risposte precise e puntuali»

Il sindaco Francesco Persiani ha scritto alla Regione Toscana per avere chiarimenti e comunicazioni certe sulla data di inizio dei lavori di ripascimento in località Poveromo. Nonostante il Dpcm del 10 aprile abbia consentito la ripresa dei lavori sul litorale, l’ente regionale non ha ancora attivato l’intervento di ripascimento atteso da mesi sulla nostra costa, come invece avvenuto in altre zone della regione.

“Per l’amministrazione comunale e per il litorale apuano è un’opera di fondamentale importanza e in questi mesi più volte ci siamo interfacciati con la Regione affinché i lavori partissero nei tempi previsti e con tempistiche che non influissero sulla stagione balneare. Le misure restrittive adottate per l’emergenza sanitaria hanno imposto ulteriori ritardi. Non sappiamo ancora con quali modalità potrà essere affrontata l’estate e i balneari, che già vivono una situazione di incertezza, hanno necessità di avere risposte precise e puntuali. Non possiamo perdere l’occasione di procedere con i lavori fintanto sarà possibile, per questo è importante avere una data di avvio” sostiene il sindaco Francesco Persiani.

Nei giorni scorsi il sindaco Francesco Persiani, l’assessore ai Lavori pubblici Marco Guidi, l’assessore al Turismo Andrea Cella e il delegato per la costa Marco Amorese hanno tenuto una videoconferenza con i rappresentanti delle categorie balneari di Marina di Massa. A fronte di un possibile prolungamento dell’intervento ipotizzato dalla Regione fino al mese di luglio, l’amministrazione comunale, in accordo con gli operatori, ha chiesto precisazioni relative alla data di avvio dei lavori così da valutare attentamente le modalità di esecuzione e verificare che siano conformi a quanto previsto dai progetti e dal capitolato di gara.

Interviene l’assessore Guidi: “abbiamo avuto necessità di un confronto trasparente così da avere più elementi per intercedere presso la Regione. Si tratta di un intervento di competenza regionale, ma riguarda la nostra costa e vogliamo tutelare le nostre attività. Purtroppo l’opera di risanamento sarebbe dovuta iniziare entro inizio anno, poi ad inizio marzo ed ora siamo ancora siamo in attesa di partire. Non possiamo permettere che, quando sarà possibile aprire gli stabilimenti balneari, questi si ritrovino un cantiere in spiaggia”.

L’intervento, oltre al Comune di Massa, coinvolge il Comune di Viareggio, le Capitanerie di Porto dei due territori ed Arpat ed anche questi enti dovranno far pervenire un loro parere per non andare ad influire su una stagione già compromessa a causa dell’emergenza sanitaria.