Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana TENews

Mangia Trekking denuncia: "Vinca deve vivere"

Alpinismo lento per richiamare l’attenzione sull’emergenza dei paesi di montagna

Più informazioni su

Nei giorni scorsi l’associazione Mangia Trekking, ha sviluppato un’attività di alpinismo lento a Vinca, uno dei luoghi storico-culturali simbolo delle Alpi Apuane. L’iniziativa, per richiamare l’attenzione verso la vera emergenza dei territori di montagna. Lo spopolamento dei paesi.

Impegnata in collaborazione con gli Enti Parco, nel progetto dei cammini tra i parchi del mare e delle montagne, da tempo, l’associazione Mangia Trekking, osserva che nonostante tante buone dichiarazioni d’intenti, il fenomeno di “desertificazione” e “dell’impoverimento” dei territori sembra proseguire. Con l’iniziativa “nel borgo e nei sentieri ” di Vinca, l’associazione ha voluto evidenziare quanto sia importante che gli investimenti debbano essere dedicati ai centri abitati ed ai servizi per le persone. L’associazione sostiene che le attività di escursionismo/alpinismo sono un importante supporto alla vita dei paesi, ed ogni attività del tempo libero nella natura, da loro deve cominciare, ruotare e terminare.

Così, partendo la mattina dal centro del paese, nel Rifugio “La Casa di Montagna “, luogo di riferimento dell’associazione, nel territorio Apuano-Lunigianese, è stata sviluppata un’attività di alpinismo lento molto panoramico, che ha portato soprattutto a visionare quanto sarebbero importanti le buone pratiche selvicolturali del castagneto, ed il rinnovo del bosco, sviluppando nei luoghi, vere e proprie attività di collezione delle varietà del castagno locale. Nel pomeriggio, dopo aver spaziato ed osservato, ritornati a Vinca gli amici del Mangia Trekking, si sono ritrovati alla Casa di Montagna, dove come da tradizione, hanno festeggiato con tagliatelle, sgabei, frittelle, focaccia e dolce, tutto cucinato con farina di castagne locale, ed accompagnati da ricotta, salumi e buon vino rosso. In tal modo l’associazione continua nella sua opera, per “aprire finestre” sul territorio Apuano, fatto non soltanto di ripide vette da conquistare e cave di marmo, ma di ambiente arcaico accessibile a tutti, da conoscere e vivere, di straordinaria bellezza e ricchezza naturale.

Più informazioni su