LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Ambulanze non disponibili, 96enne in barella costretta ad affidarsi ai privati

La storia di una signora di Carrara che doveva recarsi al Noa per le cure antitumorali

Più informazioni su

Trovare un’ambulanza disponibile per arrivare al Noa e fare le cure diventa un vero e proprio calvario per un’anziana di 96 anni di Carrara: inutili tutti i tentativi tramite il 118, nonostante i parenti della signora avessero seguito le procedure previste dall’Asl richiedendo il servizio già con 5 giorni di anticipo. Alla fine è stata costretta a rivolgersi ai privati e a pagare di tasca propria.

A raccontare l’odissea dell’anziana carrarese è il segretario della Uil Pensionati Carrara e Lunigiana, Vittorio Geloni, ai cui uffici si sono rivolti i familiari. “La signora, barellata, aveva bisogno di un’ambulanza per raggiungere il Noa così da poter ricevere il trattamento sanitario previsto per le cure antitumorali – spiega Geloni -. Insomma, stiamo parlando di cose serie. I parenti hanno seguito tutto l’iter burocratico previsto dall’Asl e, trattandosi di persona barellata, certo non potevano fare questa cosa da soli: serviva un’ambulanza. Così 5 giorni prima hanno iniziato a telefonare al 118 ma la risposta è sempre stata negativa e il ritornello era sempre lo stesso: ‘Non ci sono autoambulanze disponibili, riprovate… riprovate…’. Questo più e più volte durante la giornata”.

Di fronte al muro di gomma della burocrazia hanno dovuto arrendersi: “Alla fine, esausti, si sono rivolti privatamente alle assistenze varie che, ovviamente, sono a pagamento – prosegue il segretario Uilp – ma che ben sanno fare il loro mestiere tant’è vero che la famiglia ringrazia per la disponibilità e gentilezza dimostrata. Purtroppo non si può dire lo stesso del servizio pubblico, assente ingiustificato”.

“Ci risultano diversi disservizi simili a questo – evidenzia ancora Geloni – di cui l’Asl sembra disinteressarsi completamente. Ci rivolgiamo quindi alle autorità, al sindaco, ai vertici del servizio sanitario per chiedere chiarimenti su quanto accaduto e di trovare una soluzione al servizio trasporto barellati dell’Asl. La salute è un diritto costituzionale e curarsi non può essere un’opzione solo per i ricchi visto che ormai si ha un servizio efficiente e tempestivo solo quando ci si rivolge al privato, pagando di tasca propria”.

Più informazioni su