Quantcast
LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Maltempo, emessa allerta per rischio idrogeologico, mareggiate e vento foto

Più informazioni su

Emessa allerta codice Arancio per rischio Mareggiate dalle 8:00 alle 23:59 di Domenica 22 Dicembre 2019, preceduta da allerta codice giallo per mareggiate e vento attualmente in corso fino alle 23 59 di Domenica 22 Dicembre 2019 e allerta codice Giallo per rischio Idrogeologico reticolo minore e temporali forti dalle ore 00:00 alle ore 8:00 di Domenica 22 Dicembre 2019.

L’intervento del Consorzio di Bonifica

Al lavoro da venerdì gli uomini del Consorzio di Bonifica 1 Toscana Nord che proseguono lo stretto monitoraggio dei corsi d’acqua del territorio. Piogge intense e continue da venerdì su tutto il nord della Toscana dove era stata diramata l’allerta meteo arancione (che corrisponde al secondo livello di guardia su tre). Al momento i tecnici non segnalano alcuna problematica sebbene i livelli dei corsi d’acqua abbiano subito importanti variazioni.

Questo il dettaglio zona per zona:

Lunigiana: non si registrano al momento criticità sebbene le piogge intense abbiano fatto salire i livelli dei corsi d’acqua. Prosegue il presidio stretto del territorio da parte dei tecnici del Consorzio bonifica pronti ad azionare l’idrovora di Aulla se il Magra dovesse superare il livello della cittadina. L’acqua defluisce negli affluenti principali (Bagnone, Teglia, Aulella, Taverone) del Magra che riceve da tutti facendo registrare il superamento del primo livello di criticità a Calamazza dalle 8,45 di questa mattina, con tendenza in discesa già dopo poche ore. La mappa dei pluviometri rivela picchi nelle 24 ore per le stazioni di Mulazzo (Parana 209,00), Comano (Lago Paduli 186,4), Tresana (Novegigola 171,8), Zeri (Patigno 153,4), Villafranca (149,6), Pontremoli (125) Bagnone (108,4) e Fivizzano (Soliera 96,4).
Il personale rimane disponibile per le segnalazioni dei cittadini al 331/6852074

Massa Carrara: Salgono i livelli nei corsi d’acqua di Massa e Carrara (foto) dopo il passaggio della perturbazione che ha riversato importanti quantità di acqua sul territorio. Superano il primo livello di guardia si il Frigido a Canevara che il Carrione a Avenza, con una inversione di tendenza nella tarda mattinata di sabato. Monitoraggio stretto da parte dei tecnici del Consorzio di bonifica, soprattutto sul reticolo idraulico minore, aiutato nel deflusso dalle idrovore accese anche per contrastare la forza delle mareggiate in atto. Nessuna criticità registrata al momento.

La pioggia è stata continua con cumulate significative nelle 24 ore come rivelano i dati delle stazioni pluviometriche: Vergheto 161,6, Vara 133,2, Torano 119,2, Pian della Fioba 107, Candia 90,6, Cerreto Montignoso 86,6, Avenza 86,4, Canevara 82,4, Campocecina 72,8.

Il personale rimane disponibile per le segnalazioni dei cittadini al 331/6321391

Versilia: Piogge intense e continue su tutta la Versilia, afflitta dal maltempo dal pomeriggio di venerdì e per tutta la notte, con precipitazioni che si concentrano soprattutto nella parte nord del comprensorio. Il Consorzio di Bonifica risponde all’ondata di maltempo accendendo tutti gli impianti idrovori che fanno defluire l’acqua in mare superando anche la forza delle mareggiate in corso. Alle 12 di sabato i pluviometri registrano una cumulata delle 24 ore con dati importanti soprattutto in Alta Versilia: Cardoso 171,4, Terrinca 140,4, Azzano 118,2, Strettoia 99,8, Ponte di Tavole 87,8. Più tranquilla la situazione da Camaiore 75,4 a Viareggio 51,4, e Torre del Lago 38,6.

Sale invece repentinamente il Lago di Massaciuccoli, passato dai 14 cm di venerdì ai 20 delle prime ore di sabato mattina, momento in cui il Consorzio ha deciso nuovamente l’accensione della idrovora della Bufalina, nuovamente in moto per contenere la piena dell’invaso.

Il presidio e la sorveglianza per il lago restano stretti, con uomini che alternano i turni nelle 24 ore a tutto il sistema idraulico attorno al Massaciuccoli.

Il personale rimane disponibile per le segnalazioni dei cittadini al 340/7000.146

IL COMUNE DI MASSA

“Da ieri sera e per tutta la notte, momento di massima allerta dell’intensa perturbazione transitata sul territorio – si legge in una nota di palazzo civico – il sindaco Francesco Persiani è rimasto in contatto con l’assessore alla Protezione civile Marco Guidi, il dirigente e i responsabili del settore operativi presso il Coc (Centro operativo comunale), aperto per tutta la durata dell’allerta codice arancione. I volontari hanno ricevuto e gestito molte segnalazioni per allagamenti e di cittadini allarmati dai corsi d’acqua minori. Seppure abbia toccato livelli critici, non ha destato grandi preoccupazioni il fiume Frigido, tenuto costantemente sotto controllo. Le forti piogge della notte hanno causato per lo più allagamenti nei terreni della zona di costa, in particolare a Ronchi e Poveromo. Al confine con Cinquale, è esondata la cassa di espansione del torrente Fescione, intervento attivato dal comune di Montignoso. Si è verificato anche qualche smottamento nelle zone di montagna: una in località Casette dove l’assessore – che ha anche la delega ai Lavori pubblici – ha già attivato la ditta per ripristinare la situazione, mentre sulla strada per Bergiola, essendo di competenza provinciale, sta intervenendo la Provincia di Massa-Carrara. L’allerta di codice arancio è valida fino alle ore 14.00 in attesa del bollettino meteo del Centro funzionale della Regione Toscana. Un ringraziamento del sindaco e dell’assessore al Coordinamento delle associazioni di Protezione civile impegnate assieme all’amministrazione comunale negli interventi e nel controllo del territorio”.

Questa mattina (sabato, 21 dicembre)

Sale il livello del fiume Frigido e numerosi sono gli interventi in corso da parte del corpo dei Vigili del Fuoco di Massa Carrara per attutire i danni da maltempo. L’allerta meteo ha obbligato la stazione provinciale a richiamare in servizio anche il personale a riposo e al momento la squadra operativa è al completo. Diverse le frane che si sono verificate in provincia: Bargana, Santa Lucia, Aulla, Fosdinovo. La provincia di Massa Carrara è intervenuta sulla Sp6 Bergiola Massa per rimuovere del materiale presente sula carreggiata (foto). In corso anche gli interventi dei vigili per rimuovere alberi e rami sradicati dal vento, mentre il fiume Frigido continua a salire. All’altezza del parco fluviale, all’Obelisco, è esondato e alcune immagini immortalate dai cittadini riprendono anche lo stato della sorgente del Cartaro, dove si è creata una “cascata” piena di materiali vari. (Notizia in aggiornamento)

Più informazioni su