LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Classi allagate all’istituto alberghiero, ancora disagi per gli studenti

Al suono della campanella hanno trovato banchi a terra e sedie umide, e il pavimento dell'edificio coperto d'acqua

Piove in classe all’alberghiero di Marina di Massa. Non dal tetto, ma dagli infissi. La violenta mareggiata che si è abbattuta lungo la costa apuana ha provocato l’inondazione della scuola. Al suono della campanella, ieri, lunedì, studenti e studentessa hanno trovato banchi a terra e sedie umide e il pavimento dell’edificio di via del Casone, allagato. Le bidelle si sono messe subito all’opera per asciugare le aule come meglio potevano e le lezioni non sono state interrotte.

Di acqua ne è entrata molta dentro l’edificio, come testimoniano le fotografie che alcune studentesse hanno inoltrato alla stampa. Sono loro stesse che a distanza di qualche ora dalla telefonata intercorsa con questo giornale, decidono di chiamare di nuovo e chiedere di non pubblicare le foto delle aule allagate. “Ci è stato detto che potrebbero denunciarci per la diffusione di questi scatti”, raccontano un po’ intimorite. La situazione che descrivono è, purtroppo, nota: “Non siamo costretti solo ad aprire ombrelli durante le lezioni, noi ragazze abbiamo a disposizione solo un bagno non munito di lavandini perché ahimè la parte provvista di lavandini è inagibile, l’altro bagno a disposizione delle ragazze non ha l’acqua, molte volte siamo costretti per mancanza di aule a far lezione di lingua straniera nel corridoio di fronte ai bagni, non abbiamo la possibilità di fare ginnastica in un posto chiuso perché la palestra è inagibile, non abbiamo spogliatoi quindi dobbiamo cambiarci in classe, non possiamo affacciarci alle finestre dato il pericolo dei ponteggi e molte volte si è costretti a cambiare più classi durante la mattinata per appunto mancanza di aule. La maggior parte dei laboratori, infine, è chiusa. Diciamo che è una situazione di disagio abbastanza evidente e preoccupante”.

Ieri mattina i tecnici della provincia hanno realizzato un sopralluogo che non ha rilevato criticità tali per cui sospendere le lezioni, anche se dall’istituto raccontano altri episodi spiacevoli che si sono verificati nelle passate settimane, fra i quali uno in particolare che ha coinvolto una studentessa che si è vista cadere sulla testa parte dell’intonaco del soffitto. Il presidente della provincia Gianni Lorenzetti invita gli studenti alla calma. «Il maltempo si è abbattuto su tutta la provincia – dice Lorenzetti – non mi risultano finestre rotte ma capisco che non è normale che piova dentro una scuola, succede perché si tratta di una struttura datata». In merito alle fotografie diffuse dalle studentesse, precisa: «Chi è che non conosce i problemi dell’alberghiero? Il punto è che se non ci si sveglia a livello nazionale le condizioni dell’istituto restano le stesse. Cambiano i colori ma nessuno ancora ha preso in mano la situazione e le difficoltà economiche della Provincia sono note».