LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Violenza sulle donne, il maggiore Marella: «Denunciate, non resterete sole»

Il comandante della Compagnia carabinieri di Carrara interviene dopo gli ultimi due casi di partner violenti in provincia

Gli ultimi due casi di violenza di genere nei confronti di donne perseguitate e maltrattate dai rispettivi partner si sono risolti con l’arresto e la denuncia dei responsabili. Per contrastare il fenomeno, è assolutamente necessario che le vittime prendano consapevolezza del problema e si rivolgano alla più vicina stazione dei carabinieri.

Da una parte un ex-fidanzato che non si è rassegnato per una storia d’amore finita male e dall’altra un marito prepotente e violento che ha reso il matrimonio un vero e proprio inferno. In entrambi i casi due donne vittime di atti persecutori, umiliazioni, soprusi di ogni genere e violenze fisiche e psicologiche.

Riguardo il fenomeno della violenza di genere, il maggiore Cristiano Marella, comandante della Compagnia Carabinieri di Carrara, dichiara: «Per avviare un percorso di aiuto è assolutamente necessario che le donne vittime di maltrattamenti fisici e psicologici prendano consapevolezza del problema e si rivolgano alla più vicina Stazione dei Carabinieri oppure, in situazioni di emergenza, al numero unico 112. Le indagini appena concluse dimostrano ancora una volta che non ci sono giustificazioni per chi compie violenza contro una donna, a maggior ragione se ciò avviene nell’ambito dei rapporti familiari o affettivi. La denuncia è l’unica soluzione per uscire dalla paura e tornare ad una vita “normale”. Le vittime non saranno mai sole e potranno sempre contare, oltre che sulla competenza e professionalità dei Carabinieri che operano in stretta sinergia con la Magistratura, anche sull’aiuto e sul sostegno di tutta la “rete”, di cui fanno parte anche i Centri Antiviolenza presenti sul territorio, che oltre a garantire ospitalità sotto protezione, possono fornire un valido aiuto psicologico e legale».