Quantcast
LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

«Risonanza a Carrara nel 2020 e liste d’attesa più corte»

L'Asl replica al presidente del Consiglio comunale di Massa, Stefano Benedetti, che aveva evidenziato come il macchinario da 1,5 milioni resti inutilizzato all'interno del vecchio ospedale

In merito all’intervento del presidente del consiglio comunale di Massa Stefano Benedetti, l’Azienda Usl Toscana nord ovest ribadisce che «il trasferimento della risonanza magnetica dal vecchio ospedale di Massa al piano terra (ala nord) del Monoblocco di Carrara è un progetto considerato strategico dalla direzione». La replica dell’Asl arriva dopo che Benedetti aveva evidenziato pubblicamente come il macchinario da 1,5 milioni di euro sia ancora all’interno del vecchio ospedale di Massa e inutilizzato.

«Entro il mese di marzo 2019 – annunciano dall’Asl – sarà consegnato il progetto esecutivo dell’opera; seguiranno la verifica con i responsabili sanitari, la relativa validazione e l’avvio della gara per l’affidamento lavori. I tempi di gara previsti sono di circa quattro mesi. Come già evidenziato in precedenti comunicazioni, l’intervento potrà essere consegnato all’inizio del 2020. All’interno delle attività per il montaggio della macchina è ricompreso anche l’adeguamento antisismico del reparto, primo intervento del genere sul monoblocco di Carrara».

Per quanto riguarda invece i tempi d’attesa, l’Asl ricorda che «stanno dando i primi importanti frutti le azioni attivate a partire dallo scorso mese di dicembre su tutto il territorio dell’Azienda Usl Toscana nord ovest. In particolare nell’ambito territoriale di Massa-Carrara, rispetto alla rilevazione di settembre 2018, già a gennaio 2019 alcuni tempi d’attesa si sono ridotti in maniera significativa. Ad esempio, la risonanza magnetica rachide lombosacrale è passata da 240 a 90 giorni in priorità D (differibile) e ad 8 giorni in priorità P (programmabile)».