LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana TENews

Alga nera a Marina di Carrara, Arpat assicura: "nessun rischio"

La proliferazione di alghe sarebbe l'effetto dalla temperatura raggiunta dall'acqua, oltre i 30 gradi

Sulla presenza dell’alga nera a Marina di Carrara, Arpat ritiene che vi sia stato un allarmismo ingiustificato. La società sta per comunicare gli esiti degli accertamenti fatti ieri pomeriggio al Comune di Carrara e alla capitaneria di porto, che li aveva allertati segnalando il problema a seguito delle telefonate ricevute.

La situazione non è affatto drammatica: certo l’acqua a più di 30 gradi è un fenomeno rarissimo dalle nostre parti. A queste temperature si formano alghe che muoiono, si depositano, vengono messe in sospensione. Insomma è una situazione certamente non gradevole, ma non è in atto alcun fenomeno di contaminazione.

Ieri mattina Arpat ha ripetuto le indagini sulla streopsis ovata, la famigerata alga tossica, in zona Massa, con esito negativo; la stessa alga è stata cercata a Carrara, per fortuna senza successo. Le alghe nere presenti a Marina di Carrara sono innocue alghe morte, probabilmente della varietà posidonia. L’acqua sarebbe invece torbosa per via della grande concentrazione di persone in questa stagione e della presenza dei fossi che scaricano in mare.