LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana TENews

"Crollano gli alberi al parco Ugo Pisa"

Benedetti sollecita Volpi: “Intervenire in modo concreto prima che ci scappi il morto”

Più informazioni su

Dopo la caduta di un pino nel centro di Massa, vicino all’istituto d’arte ‘Palma’, la questione sugli alberi pericolanti viene riaccesa da Stefano Benedetti e in particolare il consigliere si riferisce alla situazione del parco Ugo Pisa a Marina di Massa.

Benedetti ha denunciato: “In queste ultime due settimane all’interno del parco in oggetto sono caduti tre grossi pini che, fortunatamente, non hanno, procurato danni a persone e cose solo perché in quel momento non passava nessuno – ha specificato – Molto probabilmente la causa è la carente manutenzione che negli anni non è masi stata eseguita dal comune e questo è il motivo principale che genera il fenomeno che nell’ultimo anno ha coinvolto una decina di grosse piante che improvvisamente si spaccano di netto. Il Comune di Massa non ha mai affrontato seriamente il problema della manutenzione delle specie arboree e sul fatto che gli alberi devono essere curati con intelligenza e competenza per evitarne la caduta o persino la morte”.

“La causa specifica di queste cadute che, fino ad oggi, ha colpito prevalentemente alberi ad alto fusto, diritti e curvati negli anni dal vento – ha spiegato Benedetti – è legata agli agenti atmosferici come ad esempio il caldo d’estate, il freddo d’inverno e il vento, ma, ovviamente, il fenomeno deve essere verificato in modo approfondito per poter valutare il tipo di intervento che deve essere effettuato”.

Ha continuato: “Rimane il fatto che, a mio avviso, il parco naturalistico che viene frequentato da molte persone, è particolarmente pericoloso poiché le piante aventi le caratteristiche per cadere sono un centinaio e ciò aumenta la probabilità che magari uno di questi pini possa crollare a terra durante il transito di qualcuno. Mi auguro che ciò non accada mai, ma non possiamo affidarci solo alla fortuna e quindi diventa indispensabile intervenire in modo concreto prima che ci scappi il morto”.
.
“Ricordo che qualche anno fa, il comune effettuò un censimento segnando tutte le piante ritenute a rischio , ma da allora nulla è stato fatto per eliminarle e ripiantarle – ha aggiunto – Ho saputo in questi giorni che anche per quest’anno il comune organizza la settimana di concerti all’interno del parco e questo può essere motivo di forte preoccupazione, perché in quelle giornate l’ area sarà invasa da tanti giovani ignari del pericolo a cui vengono sottoposti”.

Infine, riferendosi al sindaco, Alessandro Volpi: “Per quanto sopra, La invito ad attivarsi per verificare il livello di pericolo esistente all’interno del Parco Ugo Pisa e quindi ad assumere tutte le iniziative a breve e medio-lungo termine, ritenute necessarie per metterlo in sicurezza e poter garantire l’incolumità fisica dei frequentatori”.

Più informazioni su