Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana TENews

Ecco la prima prova: poesia di Caproni, boom economico, natura nell’arte

Con il tema di italiano, identico per tutti, inizia l'esame di maturità: tutte le tracce ministeriali su cui stanno lavorando in queste ore gli studenti apuani

Alle 8.30 in punto, anche per gli studenti di Massa-Carrara, è iniziato l’esame di maturità. Come sempre si parte con il tema d’italiano, perfettamente uguale per tutti gli indirizzi scolastici e da svolgere nelle fatidiche sei ore di rito. La scelta tra analisi del testo, redazione di un articolo di giornale-saggio breve, tema di argomento storico, tema di ordine generale. C’era curiosità, come sempre, sul testo letterario che quest’anno metteva di fronte i maturandi ad una poesia di Giorgio Caproni per l’analisi del testo: si chiama la Lirica “versicoli quasi ecologici”, tratta dalla raccolta Res Amissa.

Il tema storico richiede invece un approfondimento sui decenni ’50 e ’60, gli anni del cosiddetto boom economico, mentre la traccia scientifica contempla le questioni riguardanti nuove tecnologie e lavoro, in uno dei testi di Enrico Marro, su robotica e futuro; immagini di quadri di William Turner e Giuseppe Pellizza da Volpedo nei documenti per il saggio in ambito artistico-letterario “la natura tra minaccia e idillio nell’arte e nella letteratura” con i versi di Pascoli. Il progresso è invece al centro del tema di attualità proposto agli studenti con partenza da una citazione di Edoardo Boncinelli (“Per migliorarci serve una mutazione”)

Ecco il testo della poesia di Caproni
“Versicoli quasi ecologici”, la poesia di Giorgio Caproni

“Non uccidete il mare,
la libellula, il vento.
Non soffocate il lamento
(il canto!) del lamantino.
Il galagone, il pino:
anche di questo è fatto
l’uomo. E chi per profitto vile
fulmina un pesce, un fiume,
non fatelo cavaliere
del lavoro. L’amore
finisce dove finisce l’erba
e l’acqua muore. Dove
sparendo la foresta
e l’aria verde, chi resta
sospira nel sempre più vasto
paese guasto: Come
potrebbe tornare a essere bella,
scomparso l’uomo, la terra.