LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana TENews

Massa, il consigliere Cofrancesco: «Via San Giuseppe resti a doppio senso»

Più informazioni su

MASSA – « Via San Giuseppe Vecchio in rivolta,  questi sono i risultati di un modus operandi dove a beneficiarne sono in pochi e a pagarne le conseguenza sono in tanti».

Ad intervenire su quanto sta accadendo in via San Giuseppe Vecchio,  dal tratto che va da via Del Balico a Via Mura dei Frati è il consigliere comunale del gruppo misto di maggioranza Antonio Cofrancesco.

«Il comandante della Polizia Municipale senza interfacciarsi con l’assessorato di riferimento – sostiene il consigliere in una nota – ma neppure con la maggior parte dei cittadini,  sta istituendo un senso unico direzione monti mare in via San Giuseppe Vecchio prendendo in considerazione una cinquantina di firme su circa 400 famiglie residenti. Un senso unico che creerà solo malcontenti  e insicurezza, sono molteplici le segnalazioni che mi giungono –  prosegue il consigliere Cofrancesco – molte volte con le precedenti amministrazioni qualcuno aveva  cercato di far diventare quella strada a senso unico ma dopo aver effettuato degli studi approfonditi dove al primo posto va messa  la sicurezza dei cittadini, la richiesta  cadeva nel vuoto».

« Forse il comandante – continua Cofrancesco –  non ha valutato il rischio che corrono i cittadini quando si immettono su via San Giuseppe Vecchio con delle uscite a raso. Creando il parcheggio su lato destro fiume,   si è obbligati le auto a percorrere la strada direzione mare,  adiacenti alle   abitazioni. Tantissimi sono i residenti  che hanno chiesto di parlare con l’amministrazione  comunale che, a quanto pare, non conosceva la decisione presa dal capo della Polizia Municipale».

«In attesa della documentazione  richiesta – chiude il consigliere –  invito il comandante della Polizia Municipale a evitare di creare ulteriori problemi ai cittadini,  penso che già ne abbiano avuti  abbastanza, la strada deve  rimanere a doppio senso di circolazione, le tantissime firme che arriveranno sul tavolo dell’amministrazione comunale,  devono servire a sensibilizzare e promuovere l’ascolto di chi il disagio lo vive giornalmente».

 

Più informazioni su