LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana TENews

Folla a villa Cuturi per l’artista apuana prima ballerina della Scala. La proposta: Alice Mariani danzi al Guglielmi

Il premio Obelisco città di Massa è stato consegnato ad Alice Mariani dalle mani del sindaco Francesco Persiani a rappresentare tutta la comunità massese. Un lunghissimo applauso ha accolto la ballerina, evidentemente commossa.

Più informazioni su

MASSA – Giovedì sera a Marina di Massa, nella splendida cornice di villa Cuturi, la città ha reso omaggio alla prima ballerina della Scala, Alice Mariani. Circa trecento le persone giunte ad applaudire la giovane ballerina che oltre alle straordinarie capacità artistiche ha rivelato doti di semplicità ed umiltà rarissime nel mondo dello spettacolo. Il premio Obelisco città di Massa, consistente nella riproduzione in marmo dell’obelisco di piazza degli Aranci, è stato consegnato alla Mariani dalle mani del sindaco Francesco Persiani a rappresentare tutta la comunità massese. Un lunghissimo applauso ha accolto la ballerina, evidentemente commossa per l’affetto riservatole e il sindaco, nell’elogiarla, ha rimarcato come determinazione e sacrifici possano permettere di raggiungere traguardi importanti. Il suo successo, condiviso da tutta la città, deve essere quindi uno stimolo per tutti i giovani che si affacciano al mondo del lavoro. La serata, condotta magistralmente da Fabio Cristiani, è iniziata con la proiezione di una video-intervista ad Alice, condotta da Franco Frediani e registrata dal video-maker Fabio Aiazzi. Ha visto poi esibirsi il corpo di ballo delle allieve della scuola di Lorna Wilkinson, una scuola vera e propria istituzione massese da cinquanta anni attiva sul territorio e dove Alice ha mosso i primi passi. Al momento della premiazione, che ha visto salire sul palco la prima ballerina, Franco Frediani, l’ideatore e organizzatore del premio, evidentemente soddisfatto della riuscitissima serata ha lanciato la proposta di legare il premio ad una successiva esibizione dell’artista premiata, nel Teatro Guglielmi che proprio da pochi giorni è stato dissequestrato e presto vedrà l’agognata riapertura. La proposta, condivisa dal primo cittadino, lascia ben sperare nel poter organizzare l’evento, compatibilmente con gli impegni che d’ora in avanti per Alice saranno sempre maggiori.

Più informazioni su