LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana TENews

Parco delle Apuane, Vincenti e Martinelli: «Lettera morta le promesse della Arrighi sui temi ambientali»

«Le poche parole spese per giustificare la posizione del Comune in assemblea del Parco delle Apuane, non ci convincono affatto. Rispetto alle posizioni espresse dal sindaco di Minucciano, che si è detto contrario nel merito ai vincoli all'escavazione nelle ZPS, ci saremmo aspettati una netta presa di posizione in senso opposto»

CARRARA – Continua il botta e risposta dei consiglieri di opposizione Rigoletta Vincenti e Matteo Martinelli con l’amministrazione Arrighi sul tema dell’escavazione in galleria sotto  le Zone di Protezione Speciale all’interno del Parco delle Apuane. Facciamo un breve passo indietro per spiegare le posizioni dei protagonisti. In sede di assemblea della Comunità del Parco Regionale, che riunisce le amministrazioni dei territori comunali e provinciali il cui territorio è attraversato dal Parco, è stata votata la richiesta di annullare la delibera adottata dal consiglio direttivo del Parco, motivando come fosse stata presa senza ascoltare prima la Comunità. Tale delibera riconosce la possibilità di scavare ma rispettando alcuni limiti e arriva a valle di una normativa regionale ( che poneva il divieto assoluto di escavazioni in tali aree) poi parzialmente cassata da una sentenza del Tar che ne ammette l’attività estrattiva sottoponendola comunque a dei vincoli limitativi. I due consiglieri contestano la decisione presa dall’ amministrazione Arrighi, attraverso l’assessore al Bilancio Mario Lattanzi presente all’assemblea per Carrara, di allinearsi «ai voleri dei sindaci, e mi permetto anche a quelli di Confindustria» per aver chiesto l’annullamento della delibera che pone dei limiti all’escavazione sotto ZPS, come scriveva Rigoletta Vincenti nel comunicato, la quale stigmatizzava l’assenza alla riunione della sindaca in persona o comunque dell’assessore all’Ambiente preferendo inviare l’assessore al Bilancio. L’amministrazione, nel rispondere, aveva fatto notare circa la presenza dell’assessore al Bilancio come non spettasse più all’ex vicesindaco Martinelli individuare chi sia legittimato a rappresentare il Comune in quella sede e come al primo punto dell’ordine del giorno di quella riunione, ci fosse stata l’espressione del parere sul bilancio del Parco, aggiungendo: «Abbiamo votato a favore della richiesta della comunità del Parco, in quanto condividiamo lo spirito di fondo, cioè l’opportunità di aprire una riflessione, una valutazione e quindi una discussione con la comunità del Parco sul tema, anche a seguito della sentenza da Tar in materia». A questo punto i due consiglieri intervengono nuovamente e argomentano: «Dall’amministrazione e dalla sindaca è arrivata una risposta del tutto fuori luogo e molto poco istituzionale – commentano dunque  Vincenti e Martinelli – Il ruolo dei consiglieri comunali deve essere rispettato e non abbiamo alcuna intenzione di farci trascinare su un livello di polemica così basso. Il tema dell’escavazione nelle ZPS è un tema molto sentito dal punto di vista ambientale in tutto il distretto apuo-versiliese e dispiace leggere la nota di una sindaca che non trova altre giustificazioni che non attaccare consiglieri di minoranza in modo personalistico e inappropriato. Va bene l’inesperienza, ma un minimo di attenzione per le istituzioni democratiche andrebbe sempre mantenuto. Peraltro che le nostre osservazioni non fossero affatto pretestuose è stato certificato dalle dure critiche piovute sulla sindaca persino da forze politiche che appartengono alla coalizione che l’ha sostenuta e grazie alle quali è stata eletta. Insomma un’altra brutta figura sia dal punto di vista formale che sostanziale dell’amministrazione Arrighi».

«Tornando al merito della questione – concludono i consiglieri – le poche parole spese per giustificare la posizione del Comune in assemblea del Parco delle Apuane, non ci convincono affatto. Rispetto alle posizioni espresse dal sindaco di Minucciano, che si è detto contrario nel merito ai vincoli all’escavazione nelle ZPS di cui alla determina del consiglio direttivo del Parco, ci saremmo aspettati una netta presa di posizione in senso opposto da parte del rappresentante del Comune di Carrara. Le promesse della Arrighi di una grande attenzione ai temi ambientali, a nostro avviso in questa vicenda sono rimaste lettera morta ».

.