LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana TENews

Lettera aperta di una cittadina all’amministrazione: «Per i nostri ragazzi dove sono le offerte ricreative, formative ed educative?»

«Mi sono chiesta quanto del loro tempo  passano a confrontarsi con modelli positivi, quanto vengano sostenuti nell’impresa, sempre più ardua, di diventare adulti e buoni cittadini. Come risposta, dopo un pugno di giorni è arrivato il Luna Park, che tante polemiche ha creato per il disturbo alla quiete , al riposo, al traffico, all’igiene pubblica« »

Più informazioni su

MASSA – Una cittadina apuana, Cinzia D., scrive una lettera pubblica indirizzata all’assessore alla Cultura e Istruzione del comune di Massa Nadia Marnica, tesa allo stimolare una riflessione. Il tema è il coinvolgimento di tipo maggiormente formativo delle nuove generazioni per strapparle dal malessere e dal degrado culturale evidente e sotto gli occhi di molti. Scrive Cinzia D. : «” Mi chiedo se questi ragazzi non hanno genitori…” sono le parole di una persona assente da Marina di Massa da una decina d’anni, che ho ospitato a fine giugno e che aveva l’abitudine di fare due passi dopo cena sul pontile. Descriveva branchi di ragazzini urlanti e maleducati, indisturbati e randagi protagonisti sul palcoscenico di Marina di Massa. Non voglio giustificare certi comportamenti, ma mi sono chiesta cosa viene offerto di ricreativo, formativo, educativo a quegli stessi ragazzini, se non da parte delle famiglie, almeno delle Istituzioni. Mi sono chiesta quanto del loro tempo  passano a confrontarsi con modelli positivi, quanto vengano sostenuti nell’impresa, sempre più ardua, di diventare adulti e buoni cittadini.

Come risposta, dopo un pugno di giorni è arrivato il Luna Park, che tante polemiche ha creato per il disturbo alla quiete , al riposo, al traffico, all’igiene pubblica (ma questo è un altro interlocutore…)

Io sto parlando a chi è delegato ad occuparsi di istruzione e cultura e vorrei  avesse presente che gli stessi ragazzini che scavallavano per le vie di Marina facendo inorridire tanti, ora hanno un altro e più educativo svago: urlano e bestemmiano Dio e tutti i santi, a gran voce, al così detto parco dei conigli, trasformato in Luna Park. Il parco è in pieno centro abitato e non occorre uscire di casa per sentirne l’ingombrante presenza: le braccia meccaniche e colorate, con luci psichedeliche intermittenti, che renderebbero isterici anche i santi di cui sopra, sollevano in alto e poi buttano giù, inducendo emozioni forti ( come se ce ne fosse bisogno…) e reazioni incontrollate. Le bestemmie entrano con violenza nelle case delle persone  e bucano l’atmosfera arrivando fino all’interessato, che ci auguriamo abbia tanta pietà di noi.

Chissà cosa pensano i villeggianti? (ma anche questo è un altro interlocutore…)

Quando il Luna Park chiude siamo a notte fonda, gli stessi utenti defluiscono rumorosamente e si riversano nelle strade circostanti a gruppi o inforcando rumorosi motorini.

Come concluderanno la serata questi ragazzi carichi di ormoni e adrenalina, eccitati, mai stanchi e mai sazi, come si è nell’adolescenza? Di quanti e quali stimoli andranno ancora in cerca prima che finisca la notte?

Era ancora necessario favorire questo spreco di energia fine a stessa quando è in forse il riscaldamento per l’inverno?  E’ ancora possibile, una sera si a l’altra no, tollerare ridicoli botti e fuochi d’artificio , dannosi per persone, ambiente e animali, quando le bombe vere cadono poco lontano? Ma guardiamoci l’Air Show senza pensare alle conseguenti emissioni, alla faccia della transizione ecologica… almeno possiamo dire che l’amministrazione parla inglese! ».

 

Più informazioni su