LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana TENews

La siccità colpisce anche il Frigido. Il vademecum di Coldiretti per non sprecare acqua

La siccità sta mettendo in ginocchio gli agricoltori. Per questo l'associazione di categoria invita tutta la popolazione a prestare attenzione ad ogni minima goccia d'acqua per far fronte a questa calamità

Più informazioni su

MASSA – Il Frigido in secca, il vitale corso d’acqua che attraverso tutta la città di Massa e che sfocia nel mare di Marina di Massa, è tra le immagini più evidenti ed anche terrificanti dell’emergenza siccità che sta attanagliando la costa apuana strizzata nella morsa delle temperature record e dell’assenza prolungata di precipitazioni. Uno scenario che sta provocando gravissime conseguenze agli agricoltori già alle prese con i rincari record causati dagli effetti della guerra in Ucraina, che impone a tutti noi di non sprecare nemmeno una goccia di acqua per non ritrovarsi tutti a secco. A tal proposito Coldiretti Massa-Carrara ha elaborato un vademecum “salva acqua” per far fronte alle conseguenze della siccità in regione dove su invito dell’Autorità Idrica Toscana (Ait) si stanno moltiplicando le ordinanze dei sindaci per il razionamento dell’utilizzo dell’acqua in tutto il periodo estivo 2022.

Si tratta di tante piccole attenzioni quotidiane che, secondo Coldiretti Massa-Carrara, i cittadini devono fare proprie non solo in un ottica di risparmio delle bollette ma di tutela della risorsa idrica in un territorio dove a causa delle cattive condizioni delle reti di distribuzione il 42% dell’acqua immessa nelle tubazioni non arriva al rubinetto. I consigli di Coldiretti Massa-Carrara sono semplici e facilmente attuabili da tutti. Si parte dalle più frequenti azioni quotidiane come lavarsi i denti, il viso, radersi o lavarsi: per risparmiare decine di litri di preziosa risorsa idrica il rubinetto deve essere aperto solo durante le fasi di risciacquo e non durante tutta l’azione.

Lo stesso accorgimento usiamolo in doccia mentre ci insaponiamo. Tra la doccia e il riempimento della vasca da bagno preferiamo la seconda soluzione che ci consente di risparmiare fino a 100 litri di acqua. Si può evitare di utilizzare tantissima acqua anche in cucina. Per esempio conservando l’acqua utilizzata per lavare frutta e verdura per innaffiare piante e fiori oppure l’acqua di cottura per lavare i piatti (l’acqua di cottura ha tra le altre cose un grande potere sgrassante); ed ancora fare sempre a pieno carico lavatrici e lavastoviglie così da risparmiare non solo acqua, ma anche energia. Se proprio dobbiamo lavare l’auto evitiamo di usare acqua corrente ma riempiamo un secchio. Per la cura dell’orto e del giardino Coldiretti Toscana consiglia di innaffiare solo nelle ore più fresche della giornata e lo stretto necessario. Infine spazzate i vialetti e i marciapiedi anziché pulirli con l’acqua dell’innaffiatoio.

Il vademecum di Coldiretti contro gli sprechi d’acqua: chiudere il rubinetto anche quando svolgiamo altre azioni quotidiane come lavarsi i denti, la faccia, radersi. Aprire l’acqua solo durante le fasi di risciacquo; preferire la doccia alla vasca da bagno: si risparmiano fino a 100 litri di acqua. Quando ci insaponiamo, chiudere sempre il rubinetto; conservare l’acqua utilizzata per lavare frutta e verdura per innaffiare piante e fiori; conservare l’acqua di cottura per lavare i piatti (l’acqua di cottura ha tra le altre cose un grande potere sgrassante); fare sempre a pieno carico lavatrici e lavastoviglie così da risparmiare non solo acqua, ma anche energia; evitare di usare acqua corrente per lavare la macchina. Se proprio necessario, riempire un secchio per lavare l’auto comporta l’utilizzo di 30 litri d’acqua, l’uso della pompa fino a 150 litri; innaffiare orti e giardini solo nelle ore più fresche della giornata e lo stretto necessario; spazzare i vialetti e i marciapiedi anziché pulirli con l’acqua dell’innaffiatoio. Per informazioni www.massacarrara.coldiretti.it, pagina ufficiale Facebook @coldirettimassacarrara, Instagram @Coldiretti_Toscana, Twitter @coldirettitosca e canale ufficiale YouTube “Coldiretti Toscana”.

Più informazioni su