Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana TENews

Albiano Magra in festa: il nuovo ponte è aperto dopo due anni dal crollo foto

Emozionante la presenza in prima fila dell'ultimo carpentiere che lavorò alla ricostruzione del ponte nel 1949, abbattuto per un pezzo dai bombardamenti della Seconda Guerra Mondiale

ALBIANO MAGRA – Una giornata di festa, quella di oggi, ma anche una di quelle che entrano nella storia, come l’ha definita il presidente della Regione Toscana Eugenio Giani quando è toccato a lui inaugurare, con il proprio discorso, il ponte di Albiano Magra che, finalmente, ricongiunge la Liguria con la Toscana. Un evento che i tantissimi presenti porteranno sempre nel cuore, emozionati dal poter ripercorrere, dopo tanti sacrifici e sofferenze, quel viadotto che aveva ceduto l’8 aprile 2020 in pieno lockdown dovuto alla pandemia, senza provocare vittime, per fortuna.

Tra i presenti, oltre ai parlamentari, alle istituzioni e ai sindaci della Lunigiana e della limitrofa provincia della Spezia, anche l’unica persona coinvolta dall’incidente di quel giorno, Andrea Angelotti, salvo per miracolo dopo quel volo incredibile che, seppur abbia cambiato la sua vita per sempre, ha potuto oggi raccontare di quel miracolo, accompagnato e stretto nell’affetto di amici e famigliari, oltreché dalla vicinanza di quelle persone che gli sono state vicine e che oggi l’hanno accolto e salutato con commozione, felici di potergli stringere la mano: “Il percorso è ancora lungo, ma il peggio è passato. Oggi sono qui a raccontarlo ed è molto emozionante. Sono stato invitato dal sindaco di Aulla Roberto Valettini, e mi ha fatto molto piacere. Ora sto facendo riabilitazione e conto di poter tornare presto alla vita di sempre”.

Proprio sul ponte il commissario straordinario di governo Fulvio Maria Soccodato ha ringraziato tutti gli attori in gioco, oltre ad assicurare una prosecuzione dell’intervento sulla Statale che prevede, come già più volte ribadito, la realizzazione di una rotonda che snellisca il traffico che tutti ben ricordano prima del crollo del ponte. Per il presidente della Regione Liguria Toti, invece, fondamentale, a parte il risultato portato a casa in unione con la Regione Toscana, è la trasformazione delle rampe, che “hanno assicurato una viabilità più facilitata ai comuni spezzini in un momento di così grande crisi, e che ora non andrebbero più tolte, ma trasformate in casello autostradale che sarebbe fondamentale soprattutto per la parte industriale”.

Quindi, per quanto il ponte sia un’opera che finalmente sblocca una situazione di lunga sofferenza per cittadini e imprese, le opere ancora da terminare sono numerose, e molti gli obiettivi importanti da raggiungere sui quali le istituzioni hanno chiesto al governo di concentrarsi per un ultimo sforzo.

Non da ultimo, nell’elenco delle cose da fare, anche la rimozione delle macerie del vecchio ponte che sembra fare da sentinella, così disteso, a quello nuovo che ora si erge forte sulla Magra e guarda ad Albiano e a Caprigliola in modo chiaramente diverso. A chiudere l’inaugurazione il viceministro alle Infrastrutture e ai Trasporti Alessandro Morelli, che ha assicurato un impegno costante dello Stato anche nel prossimo futuro per portare a termine ciò che è stato iniziato.

Emozionante, tra le altre cose, la presenza in prima fila del signor Felice Tanzi, l’ultimo carpentiere che lavorò alla ricostruzione del ponte nel 1949, abbattuto per un pezzo dai bombardamenti della Seconda Guerra Mondiale e, con lui, i bambini delle scuole di Albiano, simbolo del futuro della frazione. “Un risultato raggiunto in poco tempo – ha commentato il sindaco di Aulla Valettini – che oggi possiamo finalmente festeggiare senza però dimenticare gli abitanti di Bettola e Caprigliola che hanno ancora bisogno di vedere realizzate alcune opere. Ringrazio tutti per la celere risposta che siamo stati in grado di dare alla comunità”.

“Sono contento di aver fatto un passo indietro. Avrei potuto rimanere commissario e vantarmi di aver terminato l’opera, ma la verità è che se non mi fossi fatto da parte magari oggi non saremmo qui a festeggiare grazie al commissario Soccodato e ad Anas, che hanno svolto un lavoro encomiabile nel minor tempo possibile. Grazie a tutti” ha concluso Giani. Il ponte è stato riaperto al traffico a partire dalle 16.