Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana

In Lunigiana i medici di famiglia vanno in pensione, ma nessuno li sostituisce

Intanto il sindaco di Tresana Matteo Mastrini ha inviato una mozione alla Società della Salute

TRESANA – Nelle prossime settimane alcuni medici di medicina generale della Lunigiana guadagneranno la meritata pensione, ma a quanto pare l’Azienda Asl Toscana Nord Ovest non intende sostituirli. A fare le barricate il sindaco di Tresana, Matteo Mastrini, che da sempre non accetta le imposizioni e le scelte del direttore di turno, che piovono sul territorio con conseguenze deleterie. Per questo Mastrini ha inviato una mozione alla Società della Salute, nelle persone del direttore dott. Amedeo Baldi e del presidente della Sds Riccardo Varese:

“Il sottoscritto Matteo Mastrini, Sindaco di Tresana, Comune socio della Società della Salute della Lunigiana,  in considerazione dei prossimi pensionamenti che riguarderanno i medici di medicina generale operanti all’interno dell’Azienda Sanitaria Toscana Nord Ovest; visto che, nei piccoli Comuni, i medici svolgono un’importante funzione sanitaria e sociale, rispondendo ai bisogni delle persone più fragili; considerato che per quanto a nostra conoscenza, non sarebbe intenzione dell’Azienda sostituirli mettendo i pazienti nella condizione di doversi rivolgere a medici non operanti sul territorio comunale; preso atto che la mancata sostituzione porrebbe i pazienti stessi in condizione di disagio sociale e sanitario; impegna l’Assemblea della Società della Salute della Lunigiana, il direttore Amedeo Baldi e il presidente Riccardo Varese a farsi parte attiva chiedendo al direttore dell’Azienda Sanitaria Toscana Nord Ovest, Maria Letizia Casani, di sostituire con urgenza tutti i medici di medicina generale prossimi alla pensione ed operanti nei Comuni della Lunigiana in modo da assicurare a tutti i cittadini, in particolare ai più fragili, un servizio di prossimità utile a garantire il diritto alla salute nelle zone periferiche e marginali come la Lunigiana”.

Un problema che riguarda anche Tresana, dove un medico dovrebbe guadagnare la pensione nel mese di dicembre: “Se la Lunigiana non condivide queste battaglie in maniera unitaria non abbiamo speranza di uscirne vincitori. Io chiedo a tutti i miei colleghi di pronunciarsi e chiedo anche che il direttore dell’Asl ci riceva e ci ascolti. Il Comune e lo studio del medico di medicina generale restano fra i pochi presidi a garantire il diritto a vivere in montagna. Non possiamo arretrare ulteriormente”.