Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana

“Nuvole a Montereggio”, il festival del fumetto cala il sipario: «Un successo» foto

Il borgo ha accolto con la consueta vivacità autori e visitatori, scrivendo una nuova pagina nel rapporto secolare che i suoi abitanti hanno stretto con la lettura e con i libri

Più informazioni su

MULAZZO – Si è concluso domenica il festival del fumetto “Nuvole a Montereggio”, al termine di due giorni che hanno visto il borgo storico della Lunigiana (comune di Mulazzo, Massa-Carrara), noto per essere il paese dei librai, popolarsi di incontri di autori, fumettisti, lettori e appassionati del genere. La toponomastica di Montereggio, già tradizionalmente dedicata al libro e agli editori, si è arricchita, grazie all’iniziativa della Pro Loco, di una nuova piazza intitolata a Tea Bertasi Bonelli, pioniera e imprenditrice della storica famiglia di editori del fumetto con l’inaugurazione alla presenza del nipote Davide Bonelli ora proprietario della casa editrice e del sindaco di Mulazzo, Claudio Novoa; a completare l’arredo urbano l’installazione opera di Aldino Albertelli di due panchine a forma di libro con le immagini tratte da Tex e Zagor.

Nella serata di sabato 24 sono stati premiati Teresa Radice e Stefano Turconi, vincitori del Festival dell’edizione 2020 con l’opera Le ragazze del Pillar, Bao Publishing e i vincitori dell’edizione 2021, non presenti all’evento. Gipi e Luigi Critone con Aldobrando, Coconino Press. Il premio, il Fumetto nella Gerla, una scultura dell’artista Sergio Maucci, è stato assegnato nella tradizione del paese i cui librai hanno dato i natali al Premio Bancarella, da una giuria composta anche da librai. Una targa è stata consegnata dall’associazione “Le Maestà di Montereggio” a Marcello Toninelli nella giornata di domenica al termine della partecipata presentazione del suo libro che corona un cinquantennale lavoro sul testo del sommo poeta di cui quest’anno si svolgono le celebrazioni. Tutte le iniziative sono state accolte da unanime gradimento, non solo da parte del pubblico ma anche degli stessi protagonisti voci significative del fumetto che hanno avuto il tempo e il luogo per confrontarsi con i colleghi e con i lettori.

Finale davvero emozionante e intenso per tutti con Carmine di Giandomenico con Francesco Colafella, vincitori del Premio Web 2020, che ha disegnato per il pubblico il suo Leone, mentre scorrevano le sue immagini animate del videoclip di Uomo di varie età di Claudio Baglioni, immagini accompagnate dal vivo dalle voci del Coro Incanto di Lerici.

Una manifestazione coronata dal successo, sapientemente orchestrata da un comitato organizzatore tra cui vanno almeno, Sandro Fogola Presidente della Pro Loco, Fabrizio Fogola Giacomo Maucci, il direttore artistico Matteo Stefanelli, Filippo Conte e tutti i volontari che con impegno generoso si sono spesi per la valorizzazione di arte, cultura e territorio.

Il borgo di Montereggio ha accolto con la consueta vivacità autori e visitatori, scrivendo una nuova pagina nel rapporto secolare che i suoi abitanti hanno stretto con la lettura e con i libri, in una dimensione come quella del fumetto in cui la parola scritta sposa l’immagine. Una dimensione che forse non sarebbe dispiaciuta ai librai antichi, sempre attenti ad andare incontro al loro pubblico percorrendo tutte le strade.

Dunque appuntamento a tutti alla prossima edizione di “Nuvole a Montereggio”.

Più informazioni su