Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana

Un massese a “Il pranzo è servito”, il programma revival Rai: «Si realizza un sogno»

Si chiama Daniele Sartini, colleziona scatti con i vip e ha una passione smisurata per la televisione

MASSA – Ha 42 anni, si chiama Daniele Sartini, è originario di Massa (Massa-Carrara), lavora come responsabile commerciale per un distributore intermedio del settore farmaceutico e ha la passione per la televisione. Quando da bambino gli ponevano la classica domanda “cosa vorresti fare da grande?”, non rispondeva certo come tutti gli altri ragazzini della sua età: «Io volevo essere come Pippo Baudo – ci spiega – È la mia passione, il mio sogno. Presentare il Festival di Sanremo è quello che per ogni bambino era fare l’astronauta o fare il calciatore.»

E’ la prima volta che partecipi a un programma televisivo?

«Come concorrente, sì. Negli anni ho fatto un po’ di pubblico qua e là, partecipato alle selezioni per alcuni programmi (“GF2”, “Passaparola”, “I soliti Ignoti”), ma non ero mai stato preso. Quando ho visto che la Rai aveva preso i diritti de “Il pranzo è servito” sapevo già che sarebbe stata la volta buona. Perché la trasmissione arriva dagli anni ’90, che sono gli anni in cui questa mia fascinazione è diventata così grande. Quindi trovarmi lì dentro non mi ha nemmeno emozionato, era come se ci fossi sempre stato. Come quando prendi il pesciolino di casa e lo liberi in mare. Anche se per lui è una novità, si sente subito a suo agio.»

Com’è la tv vista da dentro ed esserne protagonisti?

«Posso dire com’è per me. È come entrare dentro un’altra vita. Un mondo con le sue dinamiche, i suoi tempi. Una dimensione che ha la forza di entrare dentro milioni di altre vite contemporaneamente. Più che altro sono stato protagonista dentro il mio sogno. Non protagonista in assoluto.»

Daniele Sartini ha la tv dentro, ne è talmente appassionato che ha scritto un romanzo dedicato (oltre ad aver collezionato fino ad ora un numero indefinibile di selfie con i vip!). Ci ha messo quattro anni, anche se in realtà è già autore di altri intriganti romanzi, ma è stato scelto da un’agenzia letteraria e, magari, presto potremmo leggerlo tutti e farci catturare e trascinare dall’amore che ha per quella scatola per lui così magnetica. Per ora, sarà possibile seguirlo lunedì 26 luglio alle ore 14 su RaiUno.