Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana

Pontremoli, sarà Jacopo Ferri il candidato a sindaco di Forza Italia

Il senatore Massimo Mallegni lo ha spiegato ieri sera, durante un incontro presso il teatro della Rosa di Pontremoli (Massa-Carrara)

PONTREMOLI – Il senatore Massimo Mallegni lo ha spiegato ieri sera, durante un incontro presso il teatro della Rosa di Pontremoli (Massa-Carrara) facente parte del Toscana Tour che ha l’obiettivo di incontrare le amministrazioni già in mano al centro destra, ma anche i futuri candidati e i simpatizzanti del partito dato che, a ottobre, diversi comuni andranno alle urne. Tra questi, in Lunigiana, proprio Pontremoli e Bagnone. Se su quest’ultimo la lista che sarà presentata alle comunali del 2021 è ancora incerta, sul comune del Campanone, invece, Forza Italia non sembra avere dubbi.

Jacopo Ferri, infatti, dopo 15 anni di amministrazione, prima all’opposizione e poi nella maggioranza, sembra essere il personaggio gradito a tutto il centro destra locale, comprendente Forza Italia, Fratelli d’Italia e Lega. Sarà che alla città lo lega anche ciò che suo padre è stato per la comunità pontremolese, ma il senatore non ha alcun dubbio sulla figura che andrà a contendersi il posto di primo cittadino.

Jacopo Ferri, però, non si è sbottonato. Accolta con piacere la dichiarazione del coordinatore regionale e di tutti i presenti che hanno espresso la stessa volontà all’unanimità, ha spiegato che ancora nulla è certo, che serviranno altri incontri tra le forze locali per decidere chi sarà il candidato a sindaco del centrodestra. Insomma, la tipica prudenza preelettorale.

«Ci sono due persone che ho sempre guardato con grande ammirazione, – ha commentato Mallegni – uno è Enrico Ferri per la sua presenza sul territorio e l’altro Maurizio Gasparri. Se persone come me e Jacopo fanno politica, la fanno per servizio, non per interesse. In Toscana si sta creando un gruppo importante e non possiamo sbagliare le candidature. A Pontremoli non imponiamo niente a nessuno, ma Jacopo non ha grosse alternative, ne va dell’interesse della città. Sarebbe un bel gesto di continuità con suo padre che molto ha dato a questo territorio.»