Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana

Carrarese settore giovanile, parla Lucetti

Appena conclusa l’attività di un’annata particolare per il settore giovanile della Carrarese è già tempo di progettare la prossima stagione sportiva.
Abbiamo incontrato il Responsabile del vivaio azzurro Mirco Lucetti.

Si sente parlare, piu’ spesso e da piu’ parti che la Carrarese ha progetti ambiziosi nel settore giovanile. Un modello Empoli nella provincia apuana?
“Non esageriamo. Per arrivare a quei livelli ci vogliono anni di lavoro, un centro sportivo di proprietà ed un’organizzazione capilllare dove all’interno convergano qualità, esperienza e coraggio.”

Qualcosa sta nascendo, dai nomi che compongono lo stafdf tecnico e da alcune notizie importanti vedi per esempio convitto per i giocatori che arrivano da fuori. Sembrerebbe che tiri aria nuova.
“E’ sempre stata una mia ambizione personale quelal di lavorare per un settore giovanile di prospettiva ma per farlo ci vuole continuità, anni di lavoro, qualità nello staff e soprattutto gli impianti. In merito a questo la società ci fa grande affidamento, ne ho parlato con la proprietò che mi ha avallato il programma e soprattutto è stato coinvolto lo staff della prima squadra per un’apertura ai notrsi giovani già da quest’anno.”

Quindi già da quest’anno sarà possibile vedere qualche inserimento?
” Vi dico subito di si anche se quello passato è stato un anno particolare siamo riusciti, grazie ai nostri allenatori e preparatori a mettere a disposizione della prima squadra, per il pre ritiro del 19 luglio cinque interessanti ragazzi piu’ altri due che rientrano da prestito. Sono certoche, durante la prossima stagione sportiva altri si aggiungeranno mentre altri li abbiamo già in casa, quasi pronti al grande salto.”

Possiamo già avere i nomi dei ragazzi?
“Perche’ no. Si tratta di Gregorio Caponi (portiere ,2003), Nicola Guelfi (difensore centrale ,2003), Tommaso Bertipagani (centrocampista, 2003), Salvatore Santochirico (difensore esterno ,2004), Mattias Bonafede (2005). Gli ultimi tre elementi vantano già panchine in prima quadra la scorsa stagione. A questi si aggiungono i due prestiti tornati dalla Massese in Eccellenza ovvero Filippo Della Pina (2002) e Mattia Centonze (2002).

L’organigramma tecnico per la prossima stagione è già stato redatto?
“L’organigramma direzionale si. Oltre al sottoscritto nomi importanti contribuiranno al progetto , da organizzazione al campo di gioco. Sono Vittorio Piccotti, Umberto Lembi , Pietro Pacini, Riccardo Rinaldi e Corrado Grassi . Alla segreteria ANdrea Frediani mentre allenatori e preparatori atletici saranno comunicati dopo il 19 luglio. Una novità che mi sento di anticipare è quelal dell’ingresso nello staff di un preparatore atletico roveniente da una società di serie A dove ha lavorato negli ultimi cinque anni. Tengop ad evidenziare anche l’attività volta al settore femminile dove una brava e vulcanica Valentina Buttini, assieme ai suoi tecnici Francesca Angelini e Giuseppe Rigolli partecipano ai campionati regionali avvalendosi in totale di circa cinquanta ragazze. “

Infine un’ultima domanda. I rapporti con le società dilettantistiche locali?
“Devo dire che con la maggior parte di loro abbiamo dei buonissimi rapporti , basati sulla reciproca stima e rapporto di sincerità. Con altre un po’ meno ma spero che questo nuovo corso possa aprire anche con loro rapporti di collaborazione. La Carrarese è l’unica società professionistica delal provincia e vi sono costi enormi per rimanere tale.Posso dire solo grazie ai nostri dirigenti anche se si considera quante piazze in Toscana, anche piu’ grandi di noi che fine hanno fatto. Io ed il mio gruppo di lavoro vogliamo provare a fare il grande salto di qualità. Vi è pero’ bisogno di spazio e di strutture che possano accogliere giornalmente un settore giovanile che attualmente vanta tra maschile e femminile piu’ di duecento baby calciatori. Credo che la Carrarese debba lavorare in questo modo.”