Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana

Cumuli di rifiuti, Barotti: «Asmiu non è ancora pronta»

MASSA – In questi giorni sui social i cittadini segnalano situazioni di degrado causate da cumuli di rifiuti a ridosso dei contenitori della nettezza urbana, altri cittadini manifestano insoddisfazione per il servizio di raccolta differenziata e alcuni turisti avrebbero pulito una spiaggia libera. In questo quadro interviene il consigliere comunale Arcipelago Massa Andrea Barotti.

«La situazione che emerge sembra ben diversa da quella che il sindaco e l’assessore Baratta hanno tratteggiato in
occasione del voto sul bilancio Asmiu. Credo sia difficile parlare, come qualcuno ha fatto, di Azienda modello di fronte ad una utenza che esprime disagio e rabbia, così come penso sia arduo far ripartire il turismo o attirare presenze quando il decoro urbano è carente. La nostra municipalizzata, come avevo suggerito sin dal principio di questa consiliatura, necessitava di un percorso ben diverso da quello intrapreso dalla giunta Persiani; ogni imprenditore sa che certi obiettivi richiedono congrue risorse, uno studio attento del territorio, una analisi dei flussi di rifiuto, un esame delle risorse aziendali (personale e mezzi). La politica degli spot, degli slogan ha voluto accorciare i tempi e far giocare Asmiu su un terreno per il quale non era ancora pronta da qui le difficoltà che l’utenza constata; un’amministrazione più concreta, consapevole delle fragilità da superare, dell’impegno assunto con il piano di risanamento del Cermec non avrebbe chiesto l’impossibile bensì un piano industriale basato sulla logica dei piccoli passi, degli obiettivi raggiungibili con “le forze” a disposizione.»

«La giunta Persiani, – prosegue il consigliere –  per onestà intellettuale, ha trovato un’azienda sotto finanziata, debole anche per delle criticità riguardanti i siti in cui Asmiu operava ma anziché intervenire per colmare le lacune esistenti, migliorare il servizio offerto, garantire a Cermec l’apporto del nostro Comune per poi, con gradualità, dar luogo al cambiamento la destra sovranista ha voluto un porta a porta spinto con una metodologia insoddisfacente per i cittadini, ben poco razionale e produttiva per Asmiu. Città molto più grandi di Massa hanno adottato, su larga scala, le isole ecologiche “intelligenti” mentre l’amministrazione Persiani non le ha ritenute strategiche tanto che quelle realizzate o previste si contano sulle dita di una mano; le isole ecologiche consentirebbero ai cittadini di
conferire i rifiuti senza dover rispettare un calendario (pensiamo al disagio di dover tenere in casa, per qualche giorno, gli avanzi di cucina) mentre per la municipalizzata il servizio sarebbe più celere (gli operatori non si fermerebbero ad ogni portone), i mezzi preleverebbero i materiali da campane interrate dotate di un sistema di identificazione dell’utenza e di pesatura così da modulare il contributo tari per ogni tipologia di rifiuto. Il nostro ritardo è ulteriormente dimostrato dalla mancanza di un servizio di raccolta degli olii esausti; sui depliant forniti da Asmiu viene indicato che presto verranno distribuite delle tanichette (nel frattempo gli utenti come debbono comportarsi?) quindi i cittadini riempiranno i contenitori poi li metteranno sulla pubblica via, un addetto passerà, si fermerà ad ogni abitazione e travaserà il liquido dalle tanichette in un bidone; si tratta, com’è facile intuire, di un’organizzazione ben lontana da soluzioni moderne, efficienti ed economiche. In merito mi chiedo se qualcuno ha mai considerato il costo orario di un operatore e di un mezzo (magari a noleggio)? Se qualcuno si è posto il problema di stabilire la produttività del sistema organizzativo adottato?».

«Credo – conclude Andrea Barotti – che guardare ad esperienze più avanzate avrebbe evitato scelte poco razionali; La città di Firenze, ad esempio, ha installato delle postazioni domotiche per la raccolta degli olii esausti. I fiorentini accedono alle strutture con la stessa chiavetta verde utilizzata per i “cassonetti intelligenti”. L’amministrazione Nardella ha previsto di collocare, nel corso di questa estate, nuovi  box e procedere, entro il 2022, alla copertura dei quartieri. Spero, per il bene della comunità e di Asmiu, che la Giunta Persiani prenda coscienza che soltanto la giusta tecnologia, una pianificazione non influenzata dalla propaganda consentirà quel positivo cambiamento che il territorio attende e per il quale i lavoratori della municipalizzata si impegnano ogni giorno.»