Quantcast
LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Tour virtuale per Pontremoli, l’idea di un giovane architetto

PONTREMOLI – Il comune lunigianese ha rivisto tutta la segnaletica verticale, e non è cosa banale. Infatti, tra la nuova cartellonistica non sono stati inseriti soltanto nuovi elementi meno impattanti sull’immagine e il decoro del borgo, ma anche delle indicazioni fondamentali per conoscere a fondo la storia e i punti di interesse di Pontremoli (Massa-Carrara).

Grazie a un giovane architetto natio del capoluogo, che si è proposto di rivedere la sua città in chiave moderna e, allo stesso tempo, più ordinata, da oggi è possibile usufruire di supporti digitali per poter visitare e conoscere le bellezze, le curiosità e le vicende storiche del luogo.

Il suo nome è Elia Santini, ha solo 27 anni, ma ha già pensato e attuato il suo primo progetto nel paese di cui è originario, e l’amministrazione pontremolese ha subito colto l’occasione per svecchiare le sue strade, rendendo il centro storico più usufruibile e appetibile per i turisti.

Al di fuori di ciascun punto di interesse, Elia ha creato una targa necessaria in primis a identificare i beni, e poi ad aprire a un tour virtuale tramite un codice Qr che permetterà ai visitatori di accedere a una scheda online con note storiche e un’abbondante galleria fotografica che dà la possibilità di “entrare” e ammirare anche ciò che non si può vedere solitamente.

Grazie ai Qr Code, infatti, sarà possibile visitare virtualmente anche palazzi mai aperti al pubblico. In un secondo momento è previsto anche l’inserimento di audioguide e un ulteriore materiale interattivo. Importanti sono anche i totem, installati in punti strategici, che costituiscono la prima tappa per il Qr Tour.

Infine, d’impatto, sono anche i cartelli che, apposti sui confini, suddividono il Comune di Pontremoli in aree caratteristiche naturali, in base ai fiumi che le attraversano. Una peculiarità di questa parte di Lunigiana che si svela sin da subito, in modo interessante e attraente, al turista. Insomma, non resta che scoprire e riscoprire il famoso borgo lungianese attraverso un nuovo percorso: giovane, moderno e tutto pontremolese.