Quantcast
LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Massa in zona rossa ma a Persiani non basta: chiusi parchi, pontile e spiagge

Il sindaco ha firmato due ordinanze. Nella numero 59 sono contenute ulteriori limitazioni per i mercati: consentiti solo i banchi alimentari

MASSA – A Massa, nonostante la zona rossa vigente fino al 6 aprile, il sindaco Francesco Persiani ha deciso ulteriori misure restrittive per chiudere i parchi e aree verdi cittadini, il parco fluviale del Frigido, i varchi a mare e il pontile di Marina di Massa. Inoltre Persiani ha anche disposto l’intensificazione dei controlli della polizia municipale. Queste misure sono contenute nell’ordinanza numero 60, valida fino al 7 aprile.

Ma il primo cittadino ha firmato un’altra ordinanza, la numero 59 (anche questa valida fino al 7 aprile), che impone delle limitazioni ai mercati. Nello specifico, il sindaco ordina: «che i mercati settimanali della giornata del martedì a Massa e della giornata del venerdì a Marina di Massa siano svolti unicamente per le attività di vendita dei soli generi alimentari, prodotti agricoli e florovivaistici; che le attività di vendita dei titolari dei posteggi del settore non alimentare siano sospese; che il mercato del mercoledì dei produttori “Campagna Amica”, che si tiene in Largo Matteotti a Massa, sia svolto con i soli esercenti appartenenti al settore alimentare, prodotti agricoli e florovivaistici, compresa la frutta e la verdura; tutti gli operatori, nel posizionarsi, dovranno seguire le indicazioni impartite in loco dalla Polizia Municipale».

Inoltre gli esercenti il commercio su aree pubbliche nei mercati di generi del settore alimentare, prodotti agricoli e florovivaistici, «dovranno garantire altresì il rispetto delle seguenti disposizioni: utilizzo di mascherina sia da parte degli operatori che da parte dei clienti; rispetto del distanziamento interpersonale di almeno un metro e del divieto di assembramenti, sia all’interno dell’area di mercato che tra i clienti in attesa all’esterno; collocazione all’ingresso dell’area di apposita cartellonistica rivolta agli acquirenti che contenga le informazioni per garantire il distanziamento».

I titolari di posteggio poi sono tenuti ad adottare le seguenti misure: «pulizia e igienizzazione quotidiana delle attrezzature prima dell’avvio delle operazioni di mercato di vendita; è obbligatorio l’uso della mascherina, mentre l’uso dei guanti può essere sostituito da una frequente igienizzazione delle mani; dovranno rendere disponibili e accessibili idonee soluzioni per la disinfezione delle mani. In particolare queste dovranno essere disponibili a fianco di tastiere, schermi, touch screen e sistemi di pagamento; dovranno sempre avere cura che davanti al proprio posteggio venga rispettata la distanza interpersonale di almeno un metro e possono posizionare, a tal fine, transenne o altri strumenti/ dispositivi idonei a favorire il distanziamento; agli operatori non è consentita la vendita nella parte laterale del banco ma solo nella parte frontale; gli operatori dovranno inibire l’accesso laterale attraverso elementi fisici e/o segnaletica».