LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Movida folle, condannato a 8 mesi di domiciliari il 19enne arrestato a Marina di Carrara

Il ragazzo in preda ai fumi di un mix di alcol e sostanza stupefacente era stato bloccato dalle pattuglie per la rottura di un fanale di un’auto in sosta e aver aggredito anche gli agenti di polizia

CARRARA – Durante il fine settimana scorso, nell’ambito del servizio coordinato interforze disposto dal questore di Massa-Carrara per il rispetto delle misure anti-covid, che ha visto l’impiego di più pattuglie della Polizia di Stato, dell’Arma dei Carabinieri e della Polizia Locale, in particolare, in zona movida di Marina di Carrara, un giovane 19enne era stato arrestato per resistenza e violenza a pubblico ufficiale (qui il racconto).

Il ragazzo, in stato di alterazione psicofisica perché in preda ai fumi di un mix di alcol e sostanza stupefacente, era stato bloccato dalle pattuglie della Polizia di Stato per essersi reso responsabile della rottura di un fanale di un’auto in sosta e, a seguito di ciò, aveva aggredito anche il personale di polizia, venendo pertanto arrestato per i delitti di resistenza, violenza e minaccia a pubblico ufficiale, oltre che per il danneggiamento aggravato.

Stamani, martedì, è stato sottoposto a giudizio direttissimo presso il Tribunale di Massa e condannato a 8 mesi per i reati a lui ascritti, venendo immediatamente sottoposto agli arresti domiciliari. Il giovane, già annoverante molteplici pregiudizi di polizia per i reati di lesione, oltraggio, violenza e resistenza a pubblico ufficiale nonché detenzione di sostanze stupefacenti, era stato già recentemente coinvolto nella rissa del 23 dicembre sempre in Marina di Carrara.