LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

I contatori 2.0 nelle case apuane

138.193 misuratori elettronici saranno sostituiti sul territorio di Massa-Carrara

Più informazioni su

Un nuovo contatore elettronico nelle case apuane: in Toscana saranno sostituiti 2.432.078 contatori di vecchia generazione, di cui 138.193 sul territorio di Massa, Carrara e provincia. Il nuovo smart meter è stato presentato ieri mattina al presidente del Consiglio Paolo Gentiloni dall’amministratore delegato di Enel Francesco Starace, e dal direttore infrastrutture e reti global Livio Gallo.

“Il piano avviato da E-distribuzione – si legge nella nota – prevede complessivamente, su un arco temporale di 15 anni, l’installazione di circa 41 milioni di misuratori 2.0, di cui circa 32 milioni in sostituzione degli attuali contatori di prima generazione e i restanti per nuove connessioni e richieste dei clienti. L’investimento complessivo previsto è di circa 4,3 miliardi di euro, di cui 1,3 miliardi per i primi 13 milioni di contatori entro il 2019. I lavori di installazione saranno realizzati da circa 250 imprese esterne, interessando complessivamente circa 4000 tecnici sull’intero territorio nazionale”.

“Disegnato dall’architetto Michele De Lucchi, e interamente progettato in Italia da E-distribuzione – prosegue la nota – il contatore di seconda generazione è il risultato di un percorso che tiene conto di quanto avvenuto negli ultimi anni sul mercato e dell’evoluzione tecnologica nel campo della misura e della telegestione. “Open meter” si attiene alle specifiche per i nuovi misuratori previste dalla delibera 87/2016 dell’autorità per l’energia elettrica, il gas e il sistema idrico. Con la delibera 222/2017 dello scorso mese di aprile laAutorità ha approvato il piano di messa in servizio dei nuovi contatori proposto da e-distribuzione”.

L’installazione dei nuovi contatori di e-distribuzione dovrebbe consentire ai clienti italiani e apuani di migliorare la consapevolezza dei proprio senza incrementi tariffari e di avere accesso a nuovi servizi.

Più informazioni su