LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Vannucci vuole le dimissioni del commissario Pd Anselmi

"Lo aiuteremo a fare le valigie" scrive Marella Marchi del circolo Avenza storica. I sostenitori dell'ex-candidato sindaco rispondono alle dichiarazioni relative alla possibile espulsione

Più informazioni su

Vannucci e i suoi sostenitori rispondo alla minaccia di epurazione chiedendo le dimissioni di Gianni Anselmi. “Leggiamo con profondo sconforto – si legge nella nota della coordinatrice del circolo Pd Avenza storica Marella Marchi – le dichiarazioni del commissario del Pd sul post voto”.

Secondo Marchi, il commissario è il primo responsabile della débâcle del Pd carrarese al ballottaggio del 25 giugno: “Anziché proporre una approfondita analisi sulle ragioni della sconfitta di cui lui e il PD regionale sono gli attori principiali e trarne le opportune conseguenze attraverso le dimissioni sue e di tutta la segreteria regionale, visti gli ennesimi disastrosi risultati in Toscana, Anselmi si diletta in queste ore ad elargire ragionamenti privi di logica politica, minacciando epurazioni di stampo stalinista”.

Vista la severa punizione inflitta dai cittadini alla coalizione proposta dal commissario, Marchi ritiene che questi dovrebbe rassegnare le dimissioni. “Il risultato elettorale – spiega la coordinatrice – ci consegna una vera e propria rivolta della città nei confronti dell’amministrazione uscente. Cosa anticipata da almeno un anno dal Pd di Carrara. Per negare l’evidenza, siamo stati offesi e commissariati”.

“Il commissario ha chiuso gli occhi davanti al dato del primo turno, che già vedeva il Pd distrutto. Adesso, dopo un ballottaggio che spazza via tutta la coalizione uscente, anziché ammettere di aver provocato un disastro e di aver proposto una candidatura che avrebbe perso anche contro un fantasma, propone di perseverare sulla linea del suicidio politico e di epurare chi aveva ragione. Si sostituisce all’arroganza la protervia ed alla miopia la cecità. Invitiamo il commissario, autodefinitosi vincente, ad andare a vincere in questo modo altrove. Saremo felici di aiutarlo a fare le valigie,” conclude Marchi.

Più informazioni su