LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Emergenza idrica: vietato sprecare acqua

Lo ha scritto il sindaco di Massa, Alessandro Volpi, attraverso un’ordinanza valida fino al 30 ottobre

Più informazioni su

‘’Fino al prossimo 30 ottobre è fatto assolutamente divieto, su tutto il territorio comunale di Massa, di usare l’acqua potabile proveniente dagli acquedotti urbani e rurali per scopi diversi da quelli igienico- domestici ‘’. Lo stabilisce l’ordinanza numero 73 del 22 giugno 2017, firmata dal sindaco di Massa, Alessandro Volpi , al fine di limitare il consumo improprio di acqua sul territorio comunale.

In particolare è proibito fare uso dell’acqua potabile per il riempimento di piscine o innaffiamento di parchi, giardini e orti. Sono esclusi dal presente provvedimento parchi e giardini pubblici per i quali però, il competente ufficio comunale, è obbligato a limitare al minimo l’utilizzo di acqua potabile, riducendo le annaffiature all’indispensabile e utilizzare, per tale scopo, l’approvvigionamento idrico proveniente da fonti alternative non provenienti dal civico acquedotto. Il sindaco invita, inoltre, la cittadinanza a limitare il consumo di acqua potabile al minimo indispensabile e a non lasciare aperte, al termine dell’uso, le fontanelle pubbliche, al fine di evitare inutili sprechi.

Si informa che in caso di mancato rispetto delle disposizioni della presente ordinanza, fermo restando l’applicazione delle sanzioni penali ai sensidell’art.650del C.P., si procederà ai sensi di legge con l’applicazione delle sanzioni amministrative da 25 a 500 euro da parte degli organi di vigilanza, secondo quanto disposto dall’articolo 7 bis del Decreto Legislativo 18.08.00 n. 267. Il Comando di Polizia Municipale, è incaricato della vigilanza e del controllo per l’esatta osservanza del presente provvedimento.

Si invitano, comunque, tutti i cittadini ad utilizzare con la massima parsimonia l’acqua potabile anche per esigenze domestiche.

Più informazioni su