LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Regionali, ecco i 4 candidati del Pd apuano. «Obiettivo assessorato»

Si tratta di Roberta Crudeli, Elisabetta Sordi, Giacomo Bugliani e Francesco Micheli. Il segretario Manenti: «Ci aspetta una campagna elettorale difficile»

Roberta Crudeli, Elisabetta Sordi, Giacomo Bugliani (consigliere uscente) e Francesco Micheli. Sono i quattro candidati al Consiglio regionale del Partito Democratico per la provincia di Massa-Carrara, in vista delle elezioni del prossimo 20 e 21 settembre in cui si eleggerà il nuovo presidente della Regione Toscana e il nuovo Consiglio. L’annuncio è avvenuto ieri nella sede di via Groppini a Carrara dal segretario provinciale Enzo Manenti, dal presidente Pietro Andreani e dal responsabile organizzativo Nicola Abruzzese.

I candidati saranno poi presentati ufficialmente martedì alle 18.30 in piazza Cavour ad Aulla, dove sarà in visita il candidato presidente (nonché presidente uscente del Consiglio regionale) Eugenio Giani. «Ci aspetta una campagna elettorale difficile e ognuno dei quattro candidati non lavorerà per sé ma per il Pd» ha evidenziato Manenti. L’obiettivo del Pd apuano è ottenere, in caso di vittoria del centrosinistra, un posto nella giunta di Giani. «È molto tempo – ha aggiunto Manenti – che il territorio apuano non ha un assessore regionale, e pensiamo sia giunto il momento. Chi porterà più voti avrà maggiori possibilità di entrare in giunta».

«Continuità» è un’altra parola chiave per il segretario provinciale. «Con “continuità” ci riferiamo al portare avanti i valori propri del centrosinistra, anche se negli ultimi 5 anni il Pd è molto cambiato e l’elezione di Bugliani rappresentò l’inizio di questo cambiamento».

CHI SONO I 4 CANDIDATI
Roberta Crudeli, infermiera e capogruppo in Consiglio comunale a Carrara del Pd.
Elisabetta Sordi, medico e consigliere comunale di opposizione a Pontremoli.
Giacomo Bugliani, avvocato massese e consigliere regionale del Pd.
Francesco Micheli,consulente di imprese per i fondi europei di Licciana Nardi. Coi suoi 32 anni è il più giovane dei quattro.