LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

«Asili nido, clamorosi ritardi nella pubblicazione delle graduatorie a Massa»

La protesta di una madre: «Questo disservizio causa ansie, preoccupazioni e problemi di ordine non solo logistico»

Più informazioni su

«Ogni mattina una mamma e un babbo si alzano e sanno che dovranno fare aggiornamento sul sito del Comune per scoprire che al 24 di luglio ancora non c’è ancora la benché minima notizia sulla pubblicazione delle graduatorie provvisorie dei nidi per il prossimo anno scolastico». Si apre con l’ironia la lettera arrivata in redazione di Giulia Mancini, una mamma di Massa, che denuncia i ritardi dell’amministrazione nella pubblicazione delle graduatorie per l’anno 2020/2021.

«Sì, graduatorie provvisorie, quindi non definitive. Poniamo che le graduatorie provvisorie siano pubblicate a fine luglio, e onestamente un po’ ormai ci speriamo se è lecito farlo, poniamo i dieci giorni accademici per fare eventuali modifiche, quando dobbiamo aspettarci di sapere se i nostri figli verranno presi o meno al nido? A metà agosto, con gli uffici comunali generalmente chiusi o con personale ridotto per ferie?. A detta del personale dell’ufficio preposto, che probabilmente si sarà stancato di rispondere alle telefonate dei genitori, a quanto pare tutti i dati sono affidati un server che magicamente non è ancora riuscito a caricare i risultati (a differenza di quanto avvenuto in altri comuni toscani, basta vedere la vicina Carrara che ha già le definitive pubblicate), vi prego, un appello di cuore all’amministrazione, non sostituite il capitale umano con una tecnologia che di intelligente evidentemente non ha niente se ha un algoritmo che non è in grado di processare semplici informazioni».

«Se a voi sembrano numeri, questo disservizio causa ansie, preoccupazioni e problemi di ordine non solo logistico. In tutto questo resta l’incertezza di una parte di cittadinanza che non ha una rete di nonni a cui fare affidamento, che nella migliore delle ipotesi si ritroverà con due settimane per andare in cerca di soluzioni alternative che siano nidi privati o babysitter a cui affidare i propri bambini, e piccola postilla, ci vuole tempo per trovare una persona di fiducia e soprattutto regolare la sua posizione. Senza considerare che non viene data alcuna informazione su come verrà gestita la situazione aule in emergenza sanitaria, sappiamo benissimo che un distanziamento non è fattibile con bambini così piccoli, le voci di corridoio sussurrano una diminuzione dei posti a disposizione rispetto a quanto indicato nelle tabelle, eppure ad oggi non c’è alcuna notizia in merito. Se può sembrare una commedia tragica purtroppo è il teatro di un disservizio pubblico».

Più informazioni su