LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Forza Italia Giovani: “Tre anni di centrosinistra e nessun miglioramento"

“Continua il degrado ad Aulla e, nonostante le numerose segnalazioni, dei cittadini
l’amministrazione sembra non sentirci”. A denunciarlo sono Matteo Gavarini coordinatore Forza Italia giovani Aulla e Nicola Biglioli Vicecoordinatore Provinciale.

“Partiamo con le ex case popolari di quartiere Matteotti, che dovevano essere abbattute in tempi brevissimi – proseguono – ma a distanza di 9 anni si trovano ancora lì in piedi in uno stato di completo abbandono, e questo estasiante spettacolo si vede appena un’automobilista entra ad Aulla, insomma non è un bel biglietto da visita. I lavori di mitigazione dell’argine del fiume Magra, che sembra la replica venuta male della muraglia cinese, sono ancora in quella fase che il sindaco e il presidente Rossi nonché commisario ai lavori post alluvione, “di ultimazione” con grande disagio alla viabilità di viale lunigiana, infatti è ben noto che quando arriva il camion del Supermecato Conad e si ferma per scaricare le merci occupa metà della corsia disponibile provocando un’ulteriore disagio, con il rischio di urtare una macchina proveniente dalla corsia opposta. Piazza Martiri di Nassyria Aulla è ancora in stato di abbandono – denuncia Forza Italia Giovani – quando invece potrebbe avere molto potenziale sfruttando gli innumerevoli spazi, si può benissimo rivalorizzare tutta la zona, ma invece rimane il disagio, e i crateri che collegano Aulla con la Cina. L’area della ex stazione, un’intera area comprata dal Comune di Aulla, per farci prima le case popolari, poi un centro sportivo, poi un poliambulatorio (perché ricordiamocelo che l’attuale poliambulatorio è ancora situato in zona rossa, ed è stato dichiarato non sicuro, dopo l’alluvione)poi una variante alla SS62, la quale serviva per deviare tutto il traffico pesante, proveniente dallo spezzino, ma alla fine nulla, di tutto ciò si è fatto un masterplan, tanto elogiato, (che alla fine è un bricolage) di quello che sarà e che dovrà essere, quando? Non si sa, sicuramente se lo terranno buono per la prossima campagna elettorale”:

“Arriviamo dunque alla Piramide, quella zona che doveva essere il cuore pulsante del commercio aullese, mentre invece si è rivelato un vero flop e il cuore pulsante del degrado.
Sul centro sportivo della Quercia malgrado le continue promesse, le classiche passerelle politiche di ex ministri e attuali consiglieri Regionali, è tutto ancora li – spiegano – piscina chiusa, esterno tutto degradato, una pista di Atletica bellissima, ma ormai anche quella degradata, e tutti i campetti da tennis, calcetto, sommersi oramai dalla vegetazione, di tutto ciò l’amministrazione comunale è stata solo capace di fare post sulla sua pagina facebook dicendo “a settembre riapriranno le piscine” ma di Settembre ne sono passati un po’ troppi, e i ragazzi che vogliono praticare il nuoto, devono andare per forza di cose a La Spezia”.

“Insomma ad Aulla regna ancora tanto degrado – concludono Gavarini e Biglioli – tanta poca voglia di incentivare i giovani a restare ad Aulla, in questi tre anni di amministrazione di centrosinistra, le cose non sono affatto cambiate, il 118 è ancora rinchiuso dentro uno sgabuzzino allargato, non si è ancora stati capaci a dargli una sede idonea come quella che aveva già, gli operai della cooperativa Ma.ris sono ancora chiusi dentro un ex magazzino comunale, dichiarato inagibile, senza dei servizi igienici, e ancora senza un contratto di affitto tra la Cooperativa e il Comune, e dopo nove anni siamo ancora sprovvisti di un cinema, lavori dell’argine al fiume magra, che durano ormai da anni, i quali hanno praticamente distrutto il volto di questa piccola città, giardini pubblici che cadono a pezzi e i bambini che vanno a giocarci, si infilano chiodi nelle ginocchia, ed un centro storico ormai abbandonata a se stesso, e mentre a Sarzana l’amministrazione organizza la notte bianca, ad Aulla regna il nulla cosmico”.