LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

«Impegnati per un rientro a scuola in sicurezza. Basta polemiche»

L'amministrazione massese risponde alla consigliera di Iv, Dina Dell'Ertole: «Ci siamo mossi in tempo utile»

Più informazioni su

«Sul tema del rientro a scuola a settembre l’amministrazione comunale non intende accettare gli attacchi ingiustificati, dettati da una sterile propaganda politica, rivolti dalla consigliera di Italia Viva». Inizia così la replica del Comune di Massa alla consigliera di Iv, Dina Dell’Ertole. «Attenta alle direttive ministeriali e regionali – spiega Palazzo civico – l’amministrazione comunale si è mossa prontamente. Sono già stati effettuati incontri con i dirigenti scolastici del primo grado per raccogliere le loro richieste e valutare assieme come intervenire per garantire un rientro in sicurezza con spazi idonei e arredi utili a progettare nuovi ambienti. Questi incontri sono serviti anche per mettere a punto i progetti Pon per i quali il Comune di Massa si era già accreditato non appena uscito l’avviso e aveva presentato la candidatura a fine giugno, tant’è che l’amministrazione è stata inserita nella prima graduatoria di contributi ricevendo un’assegnazione di 310.000 euro, seppur lordi. Occorre precisare che questi finanziamenti sono finalizzati solo ad alcuni tipi di interventi e risultano inammissibili adeguamenti di spazi che non siano già censiti come scuole (quindi esclusi teatri, cinema e altri luoghi di cultura) per i quali gli istituti scolastici potranno stipulare convenzioni per un diverso utilizzo. Proprio nella prossima riunione di giunta, è prevista l’approvazione dello studio di fattibilità del progetto Pon per il successivo caricamento al portale, il che consentirà a questa amministrazione di accedere all’anticipo del 20% della risorsa assegnata».

«Interesse dell’Ente – prosegue il Comune – era continuare a garantire il servizio mensa, sia dal punto di vista didattico che occupazionale, ed è già stato concordato con i dirigenti di mantenerlo in essere utilizzando gli spazi adibiti dove possibile e procedendo con il lunch pack dove il pranzo verrà consumato in aula. Per il trasporto scolastico purtroppo stiamo ancora aspettando le linee guida per poter organizzare il servizio, linee ancora in discussione in Regione che speriamo acceleri i tempi visto che siamo a fine luglio».

«Si può quindi affermare, che l’amministrazione di Massa si è mossa in tempo utile. Tutte queste informazioni, peraltro, sono già state fornite durante il Consiglio comunale del 7 luglio in risposta a una interrogazione del consigliere Paolo Menchini e anche a mezzo stampa, ma evidentemente alla consigliera Dell’Ertole sono sfuggite. Forse era impegnata a predisporre la mozione di cui parla nell’articolo, che però riguarda solo gli aiuti alle scuole paritarie mostrando scarso interesse per il pubblico. Infatti, mentre Dell’Ertole sbandiera alla stampa il suo presunto interesse per il mondo della scuola pubblica, dimenticandosi che le pessime misure sono state poste in essere da un Governo che il partito della Dell’Ertole appoggia e sostiene, nella mozione che ha presentato si limita a parlare delle scuole paritarie private che nulla hanno a che fare con i temi posti all’attenzione della stampa locale».

«L’amministrazione comunale invece, che ha a cuore tutti gli studenti, ha partecipato anche ai tavoli per le scuole superiori di Massa, e proprio in questi giorni incontrerà alcuni dei dirigenti per ragionare assieme di spazi e convenzioni per le scuole più affollate. Ha anche avuto incontri con le referenti dei nidi ed eseguito sopralluoghi per organizzare il rientro sicuro anche dei più piccoli.
Informo infine che proprio in questi giorni è stata aperta, con tempi strettissimi, una rilevazione da parte del Ministero dell’Istruzione per raccogliere dalle scuole le richieste di arredi necessari per ottimizzare gli spazi esistenti. Immaginiamo che tutti gli istituti scolastici si siano attivati per poter accedere a questa fornitura e sono certa che, avendo lavorato in un istituto statale, la consigliera Dell’Ertole, sia informata delle risorse che il Ministero ha messo in campo per le scuole ed anche le finalità delle stesse».

Più informazioni su