LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

“La partita. Il romanzo di Italia-Brasile” vince il Premio Bancarella Sport

Primo classificato il libro di Piero Trellini. Secondo posto per Adriano Panatta e terzo Luca Farinotti. Stasera la 68ª edizione del Premio Bancarella

Con 136 preferenze, 8 in più del secondo classificato, Piero Trellini è il vincitore dell’edizione 2020 del Premio Bancarella Sport. “La partita. Il romanzo di Italia-Brasile” edito da Mondadori, ha ricevuto il gradimento dei librai indipendenti, iscritti alle due associazioni, Unioni dei Librai Pontremolesi e delle Bancarelle, oltre a quello delle Personalità dello sport e dei Panathleti chiamati a esprimere il loro voto, in questa edizione particolare in piena era Covid.

Il notaio del Premio, Sara Rivieri, davanti ad una platea ridotta e posizionata in modalità sicura secondo le disposizioni vigenti, ma non per questo meno coinvolta e interessata, ha letto le 194 schede, pervenute nelle ultime settimane, decretando primo classificato il volume incentrato su uno dei quarti di finale mondiali più memorabili, mai giocati dalla nazionale italiana di calcio.

Al secondo posto, “Il tennis l’ha inventato il diavolo” di Adriano Panatta con Daniele Azzolini con 128 voti. Terzo, Luca Farinotti con “Volevo solo nuotare. (200.000 bracciate con Rachele Bruni)” ed a seguire, Alessandro Alciato autore di “Non pettinavamo mica le bambole”; Andrea Maietti con “Gioannbrerafucarlo. Gianni Brera secondo me”, ed infine “Ricky Albertosi. Romanzo popolare di un portiere” scritto a più mani dagli appartenenti al Comitato Soriano e rappresentati a Pontremoli da Massimiliano Castellani.

Prima del salotto degli autori finalisti, la cerimonia di assegnazione del “Premio Bruno Raschi”, che ha impreziosito il suo albo d’oro con il nome di Beppe Conti, grande giornalista sportivo ed esperto di ciclismo. Infine, un accorato saluto è stato riservato a Franco Lauro, altro affezionato amico oltre che Grande Elettore del Premio Bancarella Sport, scomparso prematuramente nell’ aprile del 2020. A presentare la serata, come sempre in maniera magistrale, il Direttore del Tgcom Paolo Liguori e per la prima volta, la bravissima giornalista Carolina Sardelli.

STASERA IL VINCITORE DELLA 68ª EDIZIONE DEL PREMIO BANCARELLA
Stasera, domenica 19 invece saranno i vincitori del Premio Selezione Bancarella 2020 a spartirsi l’attenzione del pubblico: Stefano Ardito con “Alpini. Una grande storia di guerra e di pace”, “L’estate dell’incanto” di Francesco Carofiglio, Desirèe Cognetti con “Una storia che parla di te”, Franco Faggiani e il suo “Il guardiano della collina dei ciliegi”, Angela Marsons con “Le verità sepolte”, e Piernicola Silvis, “Gli illegali”.

«In un momento della nostra esistenza così irreale – ha commentato il segretario del Premio Bancarella, Ignazio Landi -, un libro è un’ancora di salvezza in grado di farci viaggiare con la fantasia e ritornare a vivere emozioni e sensazioni, distraendoci per qualche ora dalle preoccupazioni e dall’isolamento quotidiano che ci avvolgono».

L’accesso alla piazza sarà possibile esclusivamente previa prenotazione o, in caso di posti liberi, sarà possibile effettuarla in loco. La prenotazione dei posti a sedere potrà essere effettuata telefonando alla Segreteria della Fondazione Città del libro 0187.830676 o ai quattro bar presenti nella piazza: Bar ristorante La Cortina di Cacciaguerra (0187.830050), Caffè Letterario (334.3359168), Caffè Bellotti dal 1883 (366.7435444) e Caffè e Antica pasticceria degli Svizzeri (0187.830160).

«È la prima volta che questo Premio, uno dei maggiori in Italia, è costretto ad arrendersi a questa pandemia – ha commentato il Presidente della Fondazione Città del libro, Gianni tarantola -. Arrendersi solo per il fatto che il Coronavirus ha sconvolto tempi e programmi. Nonostante questo, i librai indipendenti, già colpiti in precedenza da una profonda crisi commerciale hanno interpretato il gusto dei lettori e proclamato i sei vincitori del Premio Selezione Bancarella 2020».
Pontremoli quindi, non mancherà di accogliere librai e appassionati, dando nuovamente vita ad un momento culturale di grande spessore che, dal 1953, richiama interesse e prestigio. L’appuntamento è per domenica 19 luglio 2020 alle ore 21.00.