LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Massese, Barsottini sicuro: "Obiettivo è vincere il campionato"

Presentato il portiere classe '97 alla sua seconda avventura in bianconero: "Sono tornato a casa"

Più informazioni su

La Massese sta ripartendo a suon di colpi mercato. Il lavoro del direttore generale Pantera e di mister Gassani ha già portato a Massa diversi profili di spessore, gettando le basi di una squadra, sulla carta, di altissimo livello.
La nuova Massese sarà un gruppo fondato solidamente su chi nel recente passato ha vestito con amore e passione la maglia bianconera in categorie superiori, come Barsottini e Zambarda, protagonisti degli anni in Serie D e amati dai tifosi, appena tornati nel capoluogo apuano.

Il senso di appartenenza e la difesa, che con gli arrivi di Rudi e Battistoni si prospetta impenetrabile, vogliono essere i valori da cui ripartire e tentare l’assalto a un campionato ancora più particolare e difficile degli scorsi anni.
Chi meglio di Barsottini può spiegare ai nuovi arrivati cosa significhi vestire la prestigiosa maglia bianconera? Il portiere classe ’97 vanta più di 100 presenza in Serie D con quella maglia e, intervistato da Quotidiano Apuano, non ha dubbi: l’obiettivo è vincere.

Tra le altre cose, Barsottini ha sottolineato quanto sia importante per lui questo ritorno e come sia stato facile prendere la decisione che lo ha ri-portato a Massa, aiutata dalla stima reciproca tra lui e mister Gassani che ha impiegato poco tempo nel convincerlo.

Di seguito le dichiarazioni del nuovo portiere bianconero:

“Per me la Massese è come il Real Madrid. Quando ho parlato al telefono con il mister e con il direttore, è bastato poco per prendere una decisione. Sono felice di essere tornato a casa.”

“Personalmente non mi voglio nascondere: l’obiettivo è vincere il campionato. Non mi interessa cosa fanno le altre, che tipo di mercato stanno facendo, a me interessa solo della Massese. Questa è una piazza che merita di più. Sarei contento di riportare l’entusiasmo tra i tifosi che in questi anni difficili hanno continuato a dare tanto alla Massese. Noi faremo di tutto per dare loro ciò che meritano.”

“Con Zambarda nel tempo si è creato un rapporto speciale, siamo diventati amici anche fuori dal campo. Sicuramente con lui cercheremo di far capire a chi non ha mai giocato in questo stadio che questa non è una squadra come le altre. È una piazza che pretende. I tifosi meritano di più.”

“Erano due anni che incontravo mister Gassani da avversario e l’ho sempre stimato molto perché lo reputo un gran lavoratore. Una persona che mette il cuore. Sono pronto e non vedo l’ora che arrivi il 16 agosto per iniziare la preparazione. Quando il mister mi ha chiamato per chiedermi se fossi disposto a tornare, non ci ho pensato due secondi. Era già “sì” il giorno prima.”

Più informazioni su