LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Cella (Lega) attacca il Pd: "Bugliani e Bonafè paladini del nulla"

Più informazioni su

“Bugliani e Bonafè paladini del nulla”. Questo in estrema sintesi l’attacco lanciato dal Responsabile Provinciale della Lega Massa Carrara Andrea Cella, ai due esponenti politici del Partito Democratico. “Se Bugliani e Bonafè hanno voglia di alzare i toni è per nascondere il nulla politico del Pd in ambito regionale per la provincia di Massa Carrara – afferma Cella – Il consigliere Bugliani si vede in zona solo un anno prima dell’appuntamento elettorale a tagliar nastri di opere o traguardi non dipendenti da lui, da buon discepolo del più noto omologo regionale Giani”.

“Bugliani non ha portato un solo euro o un solo intervento, attenzione o atto concreto per la nostra provincia ed è quello che gli rinfacciano molti suoi ex elettori. La smetta di prendersela per i toni della pre-campagna elettorale – attacca duramente Cella – perchè ad alzarli sono proprio i suoi sodali compagnucci di partito: a partire dal presidente Giani che parla della nostra candidata come di un cane al guinzaglio di Salvini, o del consigliere Alberti che bestemmia in videoconferenza, passando per gli insulti sessisti rivolti alla nostra Assessore Ravagli in consigli comunali infuocati proprio dall’opposizione diversi mesi fa. Non la si butta in rissa per poi ritrarre la mano. Capisco che gli esponenti del Pd siano maestri nel dire parole buone e dare cattivo esempio, ma possono sempre imparare a cambiare trend e iniziare loro, smorzandosi. Oltretutto – aggiunge il responsabile provinciale della Lega – questa polemica nasce proprio dalla critica sconsiderata del Pd sulla piscina comunale, degradata e disattenzionata da decenni e su cui proprio l’Amministrazione Persiani è chiamata a un ingente investimento e rilancio. Avessimo aspettato Volpi – conclude Cella – come si suol dire campa cavallo. L’ex consigliere comunale e consigliere regionale anche su questo tema ha portato lo zero assoluto, come contributo. A che titolo ora sproloquia?”

Più informazioni su