LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

La cometa Neowise visibile dai cieli italiani: ecco come osservarla

Già da qualche giorno si è resa visibile anche dai cieli italiani una nuova cometa, la C/2020 F3 Neowise, scoperta lo scorso 27 marzo tramite il telescopio spaziale nell’infrarosso, che si chiama appunto Neowise. A renderlo noto è il gruppo Gam Astrofili Massesi. “Si tratta di una cometa – spiega il gruppo – sotto molti aspetti interessante e peculiare, che è stata finora visibile solo dall’emisfero australe. Da qualche giorno si può vederla anche dai nostri cieli. Dovrebbe avere ora, a causa del passaggio di questa volta vicino al Sole, che ne ha perturbato l’ordita iniziale, un periodo di circa 6800 anni, per cui difficilmente qualcuno di noi la rivedrà al prossimo passaggio.

La cometa Neowise si sta in questi giorni allontanando dal Sole (fatto che generalmente diminuisce la luminosità apparente di una cometa) e contemporaneamente avvicinando alla Terra (cosa che generalmente amenta la luminosità). Il punto più vicino al nostro pianeta verrà raggiunto il 23 luglio, ad una distanza di 104 milioni di km. La cometa, dalle nostre zone, sarà visibile solo prima dell’alba fin verso il 13-14 luglio (è questo, da qui a quella data, sarà, salvo sorprese, il periodo di migliore visibilità). Dal 13 sarà già circumpolare, quindi sempre visibile senza sorgere ne tramonto. Da qui al 13 apparirà al mattino a NNO, a partire dalle ore 4:15 circa, ogni giorno anticipando di qualche minuto e quindi sempre più col cielo buio che favorirà la visione della sua tenue coda che appare oggi già 6 volte più lunga, apparentemente, della Luna. Un segnale del momento della sua visibilità sarà il sorgere pressoché contemporaneo del luminosissimo pianeta Venere, a ENE. Dal 13-14 luglio comincerà ad essere visibile nel cielo della sera, ogni giorno più alta dalle 22 in poi, un’ora e mezza dopo il tramonto, in direzione NO. Il 27 luglio resterà in cielo fino ben oltre la mezzanotte, e apparirà sotto la costellazione dell’Orsa Maggiore. Il problema per la nostra zona sarà costituito dal fatto che in quelle direzioni (sia nelle apparizioni al mattino che in quelle della sera) abbiamo le montagne (Alpi Apuane e Appennino). Per cui occorrerà allontanarsene il più possibile (magari dalle spiagge, se non si vuole salire sulle cime più alte).

Ricordiamo poi una cosa – sottolinea infine il gruppo – (se ne parla nella video lezione sulle comete che è possibile ascoltare sulla pagina Fb del gruppo astrofili massesi): il comportamento luminoso delle comete è sempre imprevedibile. La Neowise può sorprenderci (sia diventando molto più luminosa, sia rendendosi del tutto invisibile ad occhio nudo), ma, salvo eventi eccezionali sarà sempre visibile per tutto luglio con piccoli binocoli”.