LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Salvini: «Conte porti il Consiglio dei ministri ad Albiano» foto

Il leader della Lega in visita nel luogo in cui è crollato il ponte lo scorso 8 aprile. Con lui anche la candidata alle Regionali toscane Susanna Ceccardi

“Credo che questa immagine surreale valga più di mille parole”. Così Matteo Salvini di fronte a quel che resta del ponte di Albiano crollato la mattina dell’8 aprile scorso. Il leader della Lega è sceso fin nel letto asciutto del Magra per vedere da vicino la situazione a tre mesi dal disastro che ha spezzato un collegamento fondamentale per tutto il territorio.

Salvini ad Albiano Magra

“Non si sono degnati nemmeno di nominare un commissario – ha detto Salvini affiancato dal deputato ligure Edoardo Rixi e dalla candidata toscana alle Regionali Susanna Ceccardi – e se non si sbrigano fra sei mesi rischiamo di essere ancora nelle stesse. Condizioni. Rischiamo di averci messo di meno a fare il ponte di Genova che quello di Albiano. Visto che Conte parla di ‘decreto semplificazione’ sarebbe bello che si svolgesse qui il Consiglio dei ministri. Questa è l’immagine dell’Italia che non volgiamo, che per ripartire ha bisogno di serietà e competenza”. “Noi siamo ‘testoni’ e faremo il possibile, qui con quattro milioni e sei sette mesi di lavoro si può ricostruire ma se non si parte è impossibile. Chiederemo al ministro De Micheli se quando ha finito di inaugurare piste ciclabili si degna di occuparsi anche del ponte”.

Dopo il sopralluogo Salvini si è poi dedicato all’immancabile rito dei selfie con i tanti sostenitori riuniti davanti al gazebo allestito sotto l’autostrada, e con gli amministratori locali guidati dalla senatrice Pucciarelli e dall’onorevole Viviani.

“La Lega – aveva detto poco prima ai microfoni della stampa il leader leghista – vuole sbloccare tutte le opere ferme, far ripartire i cantieri, riempire l’Italia di gru e di autostrade che funzionano, non si può stare in autostrada ore e ore. Il governo è confuso e litigioso, nessuna intenzione di risolvere i problemi e questo è un simbolo. L’Italia ha bisogno di correre, viaggiare, trasportare: non vedo l’ora che vadano a casa perché tra De Micheli e Toninelli non so chi è peggio”.
Riguardo all’avvicinarsi del voto per le Regionali, Salvini aveva aggiunto: “Sono orgoglioso del lavoro fatto dal governatore Toti e dai sindaci, penso che il buon governo di Liguria e Veneto sarà confermato dai cittadini a settembre. I primi tre governatori nella classifica del Sole 24 Ore sono della Lega e la cosa mi dice che siamo sulla strada giusta”. Riguardo all’accordo tra Pd e Movimento cinque stelle: “Facciano come vogliono, sono attaccati alla sedia come le cozze: lo sono a Roma lo saranno anche in Liguria e Toscana. Gli accordicchi di potere di Pd e 5 Stelle non ci preoccupano. Come vedo Berlusconi al governo? Bene, insieme a noi e con il centrodestra unito. Con il governo Conte, invece, è semplicemente impensabile”.

La visita di Salvini ad Albiano si è svolta alla presenza di Carabinieri e Polizia e non ha fatto registrare momenti di tensione vista l’assenza di contestatori. Per un gruppo di giovanissimi arrivato silenziosamente poco prima del premier e rimasto sempre in disparte a distanza del gazebo è subito scattato il controllo dei documenti.

LA TAPPA A MASSA
E la presenza di Salvini in provincia di Massa-Carrara non terminerà qui. Domattina, martedì, alle 9.30 si troverà per colazione al bar pasticceria Rossi nel centro di Massa per incontrare i simpatizzanti. Con lui anche la candidata Saccardi.

BENEDETTO MARCHESE